Harry ‘scavezzacollo’ d’Inghilterra rischia censura esercito

Harry, il principe scavezzacollo d'Inghilterra, rischia una reprimenda da parte dell'Esercito dopo una notte brava a Las Vegas, coinvolto in un 'Strip Biliardo' rimanendo completamente nudo. Le foto già impazzano sul web e da Casa Windsor è ancora 'no comment'.
Principe Harry – Il principe scavezzacollo d’Inghilterra per la sua ennesima bravata rischia la censura da parte dell’Esercito. Non è quindi la nonna Regina Elisabetta a rimproverare il suo nipotino tutto pepe. Si trovava a Las Vegas quando si è lasciato fotografare completamente nudo mentre si trovava con amici nella suite dell’hotel in cui alloggiava. Harry si era concesso un week-end di trasgressione e divertimento nella capitale del gioco d’azzardo e dopo aver rimorchiato un gruppo di ragazze, sembrerebbe che insieme si siano recati nelle loro camere d’albergo per dar vita ad un gioco del biliardo tutto speciale, in sostanza si tratta di uno ‘strip game’ e il principino, erede al trono, è rimasto completamente nudo.
Tuttavia sembrava essere molto contento di stare senza indumenti tra le ragazze, almeno è quello che si evince dalle foto. Purtroppo per una trasgressione del genere Harry, fratello del William testa sulle spalle, rischia una reprimenda da parte dell’Esercito. Gli esperti militari in Gran Bretagna sostengono che il codice militare di condotta impone di mantenere alti i loro standard professionali ‘sia in divisa che fuori servizio‘ e ‘comportamenti sociali discutibili‘ che potrebbero influenzare negativamente sulla reputazione dell’arma.
Il party alcolico evidentemente è degenerato e qualcuno dei presenti ha colto l’occasione per tirare un brutto scherzo al piccolo Harry vendendo le foto ai giornali. Per adesso da Casa Windsor non arriva nessun commento e gli utenti del web gli fanno i complimenti per il suo essere così ‘libertino‘, alcuni addirittura lo paragonano al nostrano Lapo Elkann.

Fonte: news-24h.it




Share on Google Plus

Autore: Domenico Iodice

Giornalista

0 commenti:

Posta un commento