Lettera Aperta di una Pontelatonese al Sindaco Carusone

Riceviamo e pubblichiamo la seguente e-mail di una ragazza di Pontelatone indirizzata al Sindaco.


Egregio signor Sindaco Carusone,
sono una cittadina pontelatonese, temporaneamente lontano dal mio paese natale per motivi di studio.
 Le scrivo questa lettera in riferimento alla situazione attuale in cui si trova Pontelatone.
Vorrei portare alla sua attenzione due questioni, a mio avviso fondamentali per lo sviluppo culturale e turistico del nostro paese: la rivalutazione del centro e i giovani.
 Per quanto riguarda il primo punto, Pontelatone è una terra ricca di storia e di cultura, impresse nei muri del paese.
 Siamo in possesso di numerosi reperti importanti come i ruderi di Treglia, la torre merlettata e qualche altro reperto dislocato sul territorio, solo negli ultimi anni si è pensato a dare vita ad una politica di rivalutazione degli stessi. Si dovrebbe, secondo me, sfruttare di più il patrimonio culturale di cui disponiamo, iniziando dal fare più pubblicità alle risorse appena dette, per non avere come solo biglietto da visita i prodotti genuini delle nostre campagne e la pace.
 Quest’ultimo è anch’esso fondamentale, ma, avendo a disposizione un territorio cosi ricco di bellezze, Pontelatone potrebbe diventare una delle mete turistiche più ambite della vallata. La condizione del centro però, è attualmente inadeguata, rispetto all’importanza da esso rappresentata e realizzare iniziative dirette ad attirare l’attenzione turistica verso il suddetto centro, contribuirebbe a valorizzare la cultura e le tradizioni del nostro territorio e a portarli a conoscenza di un turismo ormai perso.
 Vorrei concludere questo argomento, ribadendo che il nostro centro del paese è il punto di forza principale di un territorio da anni dimenticato e cercare di tutelarlo è nell’interesse di tutti i pontelatonesi per il cambiamento del nostro paese.
 Giungiamo ora al secondo punto, ovvero la condizione giovanile.
Ciò su cui vorrei soffermarmi è la mancanza di attività ricreative per i giovani della nostra zona e l’assenza di strutture adibite a punti di incontro, in cui scambiare i propri interessi e le proprie idee.
 Proprio in mancanza di ciò, la situazione dei giovani a Pontelatone è una situazione di malessere, in quanto questi ultimi non hanno la possibilità di maturare le proprie passioni al di fuori dell’ambiente scolastico e familiare.
 Oltre l’ambito sportivo, con questi tornei notturni di calcio, a Pontelatone molto vecchi, sarebbe interessante coinvolgere i ragazzi in attività che abbiano un risvolto nel sociale, aiutandoli ad affrontare il confronto tra idee ed ideali differenti. Anche il campo artistico, è stato molto trascurato.
 Sono presenti tantissimi giovani con la passione per la musica e per l’arte in generale, ma, come dicevo prima, mancano le strutture dove poter esercitare queste nobili passioni.
 In conclusione, l’amministrazione comunale dovrebbe pensare a coinvolgere maggiormente i giovani nei propri progetti, poiché la maggior parte di questi, purtroppo, ha l’immagine di Pontelatone come di un -paese morto-, dove non c’è futuro e questo non è sicuramente di aiuto alla crescita della nostro paese.
 La presente non vuole rappresentare alcun tipo di protesta o polemica contro qualcuno o qualcosa, ma esprime soltanto il disagio di una giovane attenta alle problematiche del proprio territorio, che vorrebbe contribuire a migliorare la condizione dello stesso.

Pontelatone, 4 agosto 2012

Cordialmente

 Mary Izzo




Share on Google Plus

Autore: Domenico Iodice

Giornalista

0 commenti:

Posta un commento