Anche un piccolo paese come Pontelatone possiede la sua satira politica


Riceviamo e pubblichiamo la e-mail che segue:


Ad un anno e più dalle elezioni del 16 e 17 maggio 2011 è bene fare un primo bilancio dell'Amministrazione, che, a sentire gli umori dei cittadini, possiamo definire senz'altro positivo. Benché non schierati tra le fila dei simpatizzanti degli amministratori in carica, abbiamo dovuto però prendere atto che stiamo vivendo una nuova stagione, una vera e propria fase rinascimentale. Sì non c'è dubbio, siamo ad punto di svolta. Ora le cose vanno decisamente molto meglio. Quest'Amministrazione sta cambiando Pontelatone , grazie ad un intelligente programmazione e a mirate opere pubbliche che , cosi ben fatte, da anni non si vedevano.
Cervarecce è decollato producendo ricchezza e posti di lavoro, nella zona industriale in località Madama sono fiorite aziende a tutto spiano accrescendo ricchezza a ricchezza e lavoro a lavoro, il paese è in perfetto ordine e pulito con una raccolta differenziata che ha raggiunto il 99%, il problema della disoccupazione è risolto con offerte di lavoro crescenti giorno dopo giorno, le famiglie economicamente in difficoltà vengono aiutate, il diritto allo studio viene assicurato con costi irrisori per le famiglie degli alunni, gli uffici comunali vengono fatti funzionare alla perfezione, la cittadinanza viene coinvolta nelle decisioni più importanti, le clientele elettorali e i favoritismi sono stati banditi e sono ormai solo un ricordo. Scusate se dimentichiamo qualcosa. Questa Amministrazione sta cambiando Pontelatone anche nel modo di pensare. Con un rinato interesse culturale.
Ed in fondo la vera svolta è proprio qui, nell'essere diventato un luogo dove si parla liberamente, si discute, ci si confronta civilmente. Non c'è dubbio che stiamo vivendo un periodo storico particolare.
Ecco, noi crediamo che l'Amministrazione abbia imboccato la strada giusta per restituire alle nuove generazioni un paese pieno di entusiasmo, lavoro, svaghi e vitalità. Oramai siamo dentro al nostro "Rinascimento".
Questo grazie ad una impareggiabile Giunta Comunale:
L'assessore alla Protezione Civile-Ecologia e Ambiente, un poliziotto grande esperto in materia di igiene e sicurezza
L'assessore ai Lavori pubblici e Urbanistica, un forestiero che per il suo grande amore per Pontelatone sta trascurando la sua attività professionale. E gratuitamente.
Ma grazie soprattutto al Vice Sindaco. Infatti, si deve alla sua ineguagliabile e infaticabile opera di assessore ai lavori pubblici della passata consiliatura se il Piano Urbanistico comunale, Cervarecce e il piano di insediamento industriale hanno preso il volo.
Si deve a lui, assessore alla pubblica Istruzione, se i servizi scolastici sono migliorati e rafforzati (basta guardare con quanta competenza e quanta attenzione per le famiglie è stato gestito il problema del trasporto scolastico)
E si deve sempre a lui, attuale assessore al bilancio e tributi, se i conti comunali ora sono trasparenti e in ordine e le tasse comunali sono diminuite. Pare che Monti, venuto a conoscenza degli impressionati risultati positivi presso il nostro Comune, stia pensando a lui per un prossimo incarico di Ministro dell'Economia , Finanze e Sviluppo Economico. Signore, grazie per avercelo regalato.
Il ringraziamento maggiore va però riconosciuto al Sindaco per averli scelti.


Gli amici del bar Margherita


Notizia dell'ultima ora: L'assessore poliziotto si è dimesso, sembra, per fare posto ad un altro militare. Se le cose stanno così, non possiamo che rallegrarcene.
Bravo Sindaco. Anzi bravissimo.




Share on Google Plus

Autore: Domenico Iodice

Giornalista

7 commenti:

  1. Non so tu ki 6, scherzando scherzando hai fatto centro.Hai descritto un brutto spaccato del paese,e grazie a ki lo sappiamo.6 un mitooooooo......

    RispondiElimina
  2. Ci giunge voce che il solerte paladino dell’antiamministrazione nostrana, il signor Domenico Iodice, si proprio lui quello che giorno dopo giorno marcia sempre di più guancia a guancia, “cor a cor” con l'opposizione maggiore (come la chiama lui) di Pontelatone, stia andando in molte case per Pontelatone.
    Siamo felici di questa iniziativa, siamo felici che un cittadino qualsiasi come Iodice si faccia portavoce degli interessi di una comunità che lo stima.
    Solo un dubbio, un piccolo dubbio ci attanaglia lo spirito: sarà’ che il cittadino Iodice gioca a rincorrere l’operato dei suoi idoli? Non sarà’ che passeggiando per il Comune durante i consigli comunali, dopo aver percepito l’ emozione che si prova sulla poltrona del sindaco, prova a fare il primo della classe per fare il sindaco a Pontelatone?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mimmo ke va casa x casa?Ma siamo in campagna elettorale?Evvivaaaaaa,finalmente nn ce + una giunta di incapaci!

      Elimina
  3. L'opposizione da 25 anni non fa altro che criticare la giunta in carica senza dare un'alternativa seria al paese.a me sembra che non siete meglio della maggioranza,e si vede anche dalla cosa che non vincete mai le elezioni........

    RispondiElimina
  4. Non ti avvelenare tanto! rifletti quando scrivi, perchè ti tiri la zappa sui piedi!! Tu lo sai benissimo perchè l'opposizione non vince mai da venti anni. Preoccupati piuttosto di capire come mai Pontelatone sia rimasto, non come vent'anni fa, ma molto peggio, nonostante i tanti milioni di euro piovuti nelle casse del comune.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dai vostri cinque anni di amministrazione il paese non è che sia uscito un gioiello,anche allora sono piovuti tanti milioni.Siete solo bravi a dare la colpa a chi è in carica,a partire dal gestore del blog che non apre gli occhi..............

      Elimina
  5. Il commento, come quello più in alto di venerdì, è un chiaro esempio di disinformazione e di quella politica come tifo che acceca la mente e allontana dalla politica vera che si basa, invece, sull’analisi obiettiva della realtà e sulla conseguente ricerca di soluzioni nell’interesse generale.
    Il commento comunque offre la possibilità di fare un po’ di chiarezza sul periodo amministrativo che va dal novembre 1993 al novembre 1997, periodo in cui da maggioranza abbiamo amministrato il paese (successivamente siamo stati all’opposizione). Da allora sono trascorsi quindici anni e non 25. Presumo che l’errore temporale sia dovuto al fatto che all’epoca il commentatore era ragazzo e quindi non ha ricordi remoti di quel periodo, altrimenti non sarebbe incorso anche in un altro errore. Non avrebbe, cioè, parlato di “alternativa”, se per alternativa si intende un’amministrazione diversa nei metodi e nei contenuti da quella attuale. Proprio su questo non ci dovrebbero essere dubbi, visto che questa “diversità” l’abbiamo praticata nel passato. Scendere nei dettagli sarebbe troppo lungo, basterà sapere che nel 1993 trovammo un Comune in una situazione non proprio felice, nel disordine amministrativo più assoluto, lo lasciammo in ordine e con un bilancio finanziario largamente attivo. Realizzammo piccole e più grandi opere che migliorarono le condizioni di vita della gente e l’aspetto del paese, molte di queste finanziate con il bilancio comunale. Altro che milioni di euro. All’epoca i finanziamenti regionali erano modesti e né si poteva accedere ai fondi europei che si sono avuti a partire dagli anni duemila(è sufficiente una piccola ricerca in Internet per averne la conferma). Chiudo ricordando che in quell’Amministrazione ho rivestito gli incarichi di assessore al bilancio e alla pubblica istruzione, svolti con responsabilità mista a orgoglio, grazie, senz’altro, all’aiuto e l’indirizzo del Sindaco Izzo. Voglio anche ricordare che in quel periodo tutti ci invidiavano la scuola media L. Settembrini, non solo per la preparazione dei docenti, che a dire il vero, è presente pure oggi, ma anche perché l’Amministrazione seguiva con attenzione i problemi della scuola, dava massima importanza al diritto allo studio. Fu la prima scuola media ad avere il bilinguismo e questo fu possibile grazie al fatto di mettere a disposizione degli alunni due scuolabus. Perciò, siamo maggiormente amareggiati dal fatto che oggi sia stato soppresso il sevizio trasporto , con gli evidenti disagi per tante famiglie.
    Ah.. dimenticavo!! Perchè perdemmo le elezioni nel ’97, benché per solo sette voti? Non lo so, fu una sorpresa, non solo per noi, ma anche per lo stesso Sindaco vincitore AlfonsoCutillo, il quale, quando fu intervistato dalla televisione casertana “Telealtenativa”, dichiarò onestamente di essere stato sorpreso della vittoria e che era convinto della riconferma del Sindaco uscente perchè aveva ben amministrato.

    RispondiElimina