Papa Jorge Mario Bergoglio: “ Dovremmo vendere le chiese per sfamar i poveri... “. Ma a chi si riferisce?


Domenico Iodice | Pontelatone – Son trascorsi sol d'una manciata di giorni, pur quando l'Osservatore Romano censurò il Papa. D'una omelia tagliata proprio nel punto in cui il Papa affermava che quella della Chiesa è d'una “ storia d’amore ” mentre gli uffici non son tutto, lo stesso Ior serve, sì, ma la Chiesa è altro. Mentre la Radio Vaticana trasmette, l’Osservatore omette il passaggio dell’omelia dedicato allo Ior. Ed ecco, sol l'altro ieri, Papa Francesco alza di nuovo la voce: “ Dovremmo vendere le chiese per sfamar i poveri... “ Lo ha proferito durante l’incontro con i massimi esponenti della Caritas Internationalis, asserendo pur che la carità è parte fondamentale della missione della Chiesa. Par come se qualcun non lo rammentasse più. Magar pensava a quei cristiani assopiti, a quella borghesia che sovente ammonisce? Che dir, non è da escluderlo. Fatto sta che da alcuni dì Papa Francesco, sovente, si è condotto sul tema del denar e dunque della carità, contrapponendoli e facendo ben carpir che i due non possono viaggiar accomodati sullo stesso sedile. Anzi, è preferibile che il primo vada nel divenir strumento del secondo. Ancor più importante per lui che preti e vescovi restino ben distanti dai fasti, per non sprofondar nel peccato ma soprattutto per imparar a servire in maniera ottima, proprio perchè la carità è d'una “ carezza della Chiesa al suo popolo ”. Appunto perchè se è stata la modestia come peculiarità di Papa Benedetto XVI, è la “ compassione ” l'istanza e la fermezza di Papa Francesco. Per Bergoglio il lavoro della Caritas infatti deve pur rinforzar e occuparsi della evoluzione dei degenti senz'alcuna assistenza e di quel tessuto sociale che desta in miseria.
E questo pur a costo di  “ Vendere le chiese per dar da mangiare ai più poveri... ”. Come concludere, magar scrivendo che, non si vien apprezzati tanto quel che proferiamo, ma bensì per quel che facciam nel concreto. 








Share on Google Plus

Autore: Domenico Iodice

Giornalista

0 commenti:

Posta un commento