Oliveto Citra, incendia la scuola perchè non ammesso agli esami. Arrestato il ragazzo, si cerca il complice

Trovate nelle aule scritte sui muri contro i professori

Salerno - Ha un nome ma è anche in manette il diciottenne, non ammesso agli esami di maturità, che per vendetta ha incendiato la sua scuola: l'istituto professionale per l'industria e l'artigianato di Oliveto Citra.I carabinieri hanno anche trovato altro materiale infiammabile nell'abitazione del ragazzo che ora è ai domiciliari in attesa del processo per direttisima che si terrà in giornata.

Indagini - Gli investigatori sono convinti che il diciottenne sia stato aiutato da un amico. Un complice, insomma, perchè l'incendio era stato organizzato nei minimi dettagli e in poco tempo sono state realizzate numerose scritte contro i professori all'interno dell'istituto. Indizi, questi, che fanno quindi ipotizzare un piano studiato e compiuto con almeno un complice. Per questo nella lista dei possibili complici sono entrati di diritto gli altri sei ragazzi non ammessi agli esami. Addirittura lo studente ha sigillato la porta d'ingresso con il poliuretano plastico per bloccarla. Poi da una finestra ha appiccato l'incendio: già aveva cosparso l'area con materiale infiammabile, poi vi ha gettato sopra uno zerbino infiammato.








Share on Google Plus

Autore: Domenico Iodice

Giornalista

0 commenti:

Posta un commento