Il mostro Nessie di Loch Ness, leggenda o realtà?

Secondo un geologo italiano gli avvistamenti sarebbero solo colpa della posizione su una faglia del lago scozzese



Loch Ness (Scozia) - Una nuova teoria ritorna a far parlare del più grande lago d'acqua dolce della Scozia, il Loch Ness, e del suo presunto e leggendario inquilino Nessie. Secondo il geologo italiano Luigi Piccardi gli avvistamenti del mostro preistorico che hanno alimentato la fame del lago potrebbero essere dovuti ad un'attività sismica. Loch Ness infatti, è posizionato sopra la linea di fagli chiamata ''Great Glen'', spaccatura che ogni tanto produrrebbe scosse sismiche causa dei movimenti tellurici avvertiti in superficie accompagnati dalla creazione di grandi bolle d'aria a pelo d'acqua. La teoria di Piccardi è stata subito ovviamente criticata dai fan di Nessie che sostengono come le scosse telluriche non spieghino comunque gli avvistamenti di ombre e forme che ricorderebbero i mostri preistorici 






Share on Google Plus

Autore: Domenico Iodice

Giornalista

0 commenti:

Posta un commento