Pontelatone, storia-politica: " Diamo a Cesare quel che è di Cesare "

di Domenico Iodice

Continuiamo a far lo scaricabarile, senza mai ammettere le proprie colpe e responsabilità politiche


Pontelatone – In questi giorni stiamo leggendo su di un qualche blog del tutto locale di lamentele politiche da parte di un ex sindaco, consigliere di opposizione, etc. etc..
Quel che più ci lascia completamente esterrefatti, è che senza farsi di un profondo esame di coscienza politico-locale, serenamente stanno a parlare dei drammi di questo Pontelatone come se loro non fossero minimamente responsabili.
Proferiscono delle possibili soluzioni future come se lor sin ad oggi nel governo di Pontelatone non ci fossero mai entrati.
Con quale credibilità i politici locali del passato si presentano alla comunità latonese portando soluzioni, se puntualmente non le hanno mai realizzate negli ultimi venti anni?
Prima ancora delle soluzioni dei personaggi politici di ieri locali, oggi bisogna valutar la dimensione della credibilità politica conferita dagli elettori latonesi. E qui entra con forza nella discussione il dato matematico incontrovertibile: in venti anni mai tanto consenso elettorale inteso come numero di voti che porta poi nel governare Pontelatone. Se questo non è accaduto, esisterà pur di una clamorosa causa. Poca credibilità politica? Poca capacità politica?
Se avanzi lamentele politiche su come dovesse funzionare la macchina amministrativa di Pontelatone, quando poi puntualmente tu sei stato il primo che non ha saputo farla funzionare a dovere affinchè producesse qualche beneficio di lunga durata e ben visibile per la collettività nostrana, non sei più credibile politicamente alla cittadinanza.
E’ futile elargire consigli politici e proferire sul da farsi, se prima non lo hai fatto tu.
La nostra è una critica da comuni cittadini di Pontelatone e mai entrati nel governo dello stesso, le preoccupazioni e le colpe politiche, sono tutte vostre, visto che vantate di una carriera politica locale di tanti anni. Il dramma però maggiore, che un cittadino comune come lo stesso scrivente è, non occhieggia e non tange niente del vostro passaggio politico per Pontelatone. Noi cittadini di Pontelatone, rispetto a voi politici datati, abbiamo sempre la cosiddetta parola in più: “ Voi avete amministrato Pontelatone, non noi. Il resto è solo sterile demagogia politica, solo un continuo scaricabarile “. 






Share on Google Plus

Autore: Domenico Iodice

Giornalista

0 commenti:

Posta un commento