Salerno, si è aperto oggi il processo per un presunto stupro di gruppo ai danni di Sara Tommasi. Silvio Berlusconi nella lista dei 17 testi

di Domenico Iodice

Al via processo a Salerno, soubrette alquanto sfiancata


Salerno - C'e' anche l'ex premier Silvio Berlusconi nella lista di 17 testi presentata dal produttore di un film hard con Sara Tommasi nel processo apertosi oggi nel tribunale di Salerno per un presunto stupro di gruppo ai danni della soubrette che vede imputati anche gli attori. La pellicola fu girata due anni fa a Buccino, nel salernitano, e aveva titolo " Confessioni private ". Davanti al presidente della sezione penale, Anna Allegro, in aula il produttore Federico De Vincenzo, che e' ai domiciliari con l'accusa di violenza sessuale di gruppo e somministrazione di sostanze stupefacenti. Secondo la ricostruzione del pm, nel settembre dell'anno 2012, l'attrice avrebbe interpretato il ruolo di protagonista in condizioni di difficolta' psicologica e sotto l'effetto di droghe in un agriturismo di Buccino. Sara Tommasi ha atteso l'inizio del processo all'esterno del tribunale accompagnata dal legale Alfonso Marra; dopo una breve apparizione in aula a inizio della udienza dibattimentale la showgirl si e' allontanata da Palazzo di Giustizia. Marra ha annunciato che presentera' nei prossimi giorni una denuncia alla Procura di Milano per un altro film 'a luci rosse' girato dalla Tommasi. " Sono stata violentata psicologicamente ", dice ai giornalisti. Dopo la costituzione delle parti e l'ammissione dei mezzi di prova, il pm Guarino ha sostenuto la responsabilita' e la colpevolezza del produttore cinematografico, degli attori Fausto Zulli e Pino Igli Papali e del regista Alessandro Occhiobuono. De Vincenzo ha reso dichiarazioni spontanee davanti al giudice ribadendo la sua estraneita' ai fatti: " Mi sento vittima perseguitata, non sono un violentatore si tratta di una vicenda assurda, non adesco persone, ne' la Tommasi e' stata obbligata a girare il film. La mia dignita' e' stata calpestata ". " Berlusconi conosceva lo stato fisico e psichico di Sara Tommasi ", spiega il legale Riccardo Moschetta. Per Marra, invece, " la convocazione di Berlusconi e' semplicemente una idiozia ". La prossima udienza e' stata fissata il 28 marzo 2014 presso la terza sezione penale per l'esame dei testi di lista e delle prove.







Share on Google Plus

Autore: Domenico Iodice

Giornalista

0 commenti:

Posta un commento