Carnevale di Formicola 2014: quello che io cittadino di Pontelatone vorrei anche per il mio paese

di “ Giosuè Carducci

Quello che vorrei anche per il mio Pontelatone


PONTELATONE – Come ogni anno il comune di Formicola insieme alla Pro-loco organizza un bellissimo Carnevale, una festa bellissima che in questo periodo di crisi, è necessaria, doverosa per lo spirito e per le tasche dei locali commerciali formicolani. A questa festa hanno partecipato grandi e piccoli, ed un ringraziamento speciale va a tutti i ragazzi di Pontelatone e Treglia, la nostra sfortuna è che il Comune di Pontelatone per Carnevale non organizza niente, i pochi euro che arrivano per le manifestazioni il Comune di Pontelatone preferisce spenderli in altro modo.
I ragazzi si sono dovuti arrangiare a spese proprie, per creare, maschere e carri allegorici, a Treglia i ragazzi hanno costruito un carro allegorico rappresentante una vecchia masseria, con tanto di cortile, con galline capre, e conigli, a Pontelatone i ragazzi hanno trasformato tre auto, in carri allegorici, con tante maschere, cucite localmente, nelle case, da nonne e madri esperte nel rattoppare i panni dei mariti contadini. Il tempo è stato clemente regalandoci un martedì pomeriggio nuvoloso ma tiepido, senza vento ne pioggia, foto, musica, e tante, ma tante risate. Io, cittadino di Pontelatone, ho accompagnato i miei figli al Carnevale, vedere tutti i bar pieni di vitalità, gente, come me, di Pontelatone, a Formicola, solo perché la scuola, la Pro-loco, il Comune, non sono capaci di organizzare niente a Pontelatone, mi si stringe la gola per la rabbia, ma forse è quello che meritiamo.....












Share on Google Plus

Autore: Domenico Iodice

Giornalista

16 commenti:

  1. Dobbiamo andare via da questo paese è l’unica salvezza che abbiamo, tanto niente cambia e niente cambierà.

    RispondiElimina
  2. un nostro paesano mi dice sempre NON È VERO CHE A PONTELATONE NON SI FA NIENTE.....SI CRITICA.....GIà è QUALCOSA.....io vorrei creare un festival della critica,nella piazza davanti al comune,dove ogni amministratore deve essere sentito e dopo sottoposto alla critica di tutti i pontelatonesi,bè penso che per un'estate intera saremmo a posto con il programma estivo solo con questo evento,sono tante le critiche alla giunta del paese

    RispondiElimina
  3. E un paese morto , Noi Latonesi non meritiamo nulla, quelpò che si fa si sa solo criticare e c'è la gente sbagliata ,

    RispondiElimina
  4. Salve.E’ l’amministrazione comunale che deve promuovere,stimolare e programmare attività ricreative,nell’arco di tutto l’anno solare,coinvolgendo le scuole,la pro-loco,il volontariato.La pro-loco se non riceve un aiuto economico come fa a sobbarcarsi tutte le spese per organizzare un evento?Prima di parlare riflettete.Qualche volta abbiamo cercato di supplire alle carenze comunali in ambito festivo,le spese non ci hanno permesso di continuare.

    RispondiElimina
  5. Buonasera,ma quale critica,la scuola, la pro-loco,il comune, nessuno a organizzato nulla, L'azione cattolica,domenica alle 14,30, a organizzato una sfilata di maschere, dal parcheggio, davanti alla scuola media, al campetto,difronte al wengè,e non c'è stato niente altro, chi è che doveva organizzare?Per far conoscere i prodotti tipici locali, nel periodo natalizio,si è organizzato, sia un ***** a Treglia, da 400,00€, e uno a Pontelatone da 960,00€, ha organizzato il comune con una bella delibera,e il carnevale,chi lo deve organizzare, i singoli cittadini??questa non è critica, è una sacrosanta verità,all'amministrazione il carnevale non interessa.

    RispondiElimina
  6. Forse da sempre, ma di certo da circa venti anni a questa parte, Pontelatone non ha avuto la fortuna di avere politici locali all’altezza del compito, capaci di amministrare gli interessi primari di questo paesino. Eppure in questo segmento temporale pochi piccoli Comuni della Campania hanno attirato l’attenzione di molti, quanto Pontelatone, per le prospettive di sviluppo auspicate da tutti dopo che erano giunti a conoscenza delle potenzialità del paese. Non era ostico, pertanto, per amministratori accorti, interloquire non solo con gli Enti amministrativi superiori ( Comunità Europea, Stato, Regione, Provincia ), ma anche con Enti culturali, imprenditoriali, commerciali, spronandoli a dare un loro tangibile contributo per lo sviluppo di questo territorio. Invece gli amministratori che si sono susseguiti negli anni, poco rappresentativi ed incapaci di amministrare con competenza ed acume la cosa pubblica, hanno favorito il declino: questa politica deve essere scardinata dalla dimora Comunale, bisogna far carpire ai cittadini che nessun benessere potrà esserci per loro e Pontelatone se prima non si interrompe questo circolo improduttivo. Questa grave situazione che ha danneggiato, oltre ogni limite di sopportabilità, gli interessi vitali presenti e futuri di Pontelatone, deve subire un radicale mutamento: per questo, l'intero Consiglio Comunale, quando prima, deve sloggiare dal municipio. Non vi è dubbio che senza la collaborazione dei cittadini, senza la partecipazione massiccia di tutta la cittadinanza alla vita pubblica, senza un nuovo approccio ai reali problemi della comunità, nessun progresso sarà possibile ed ai giovani sarà riservato un incerto ed ingeneroso futuro. La mancanza di una capace amministrazione comunale è la più grave menomazione che questa comunità abbia subito nell’ultimo decennio che potrebbe portarla al dissesto. A volte, auspicando di essere in errore, sembra che i politici locali, avvertano un sentimento di appartenenza alquanto scarso. Non si può tirare a campare, si devono porre in essere processi costruttivi per il paese.

    RispondiElimina
  7. Siete tutti bravi a fa chiacchiere, i latonesi sanno solo criticare da dietro un compiuter o un telefono e quando è il momento di fare vi nascondete tutti e cacciate la faccia solo al primo errote di chi ha il coraggio di fare FA!!! VERGOGNA....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. tu che sei così bravo,non fai chiacchiere,e soprattutto non ti nascondi dietro ad un anonimato.......e noi ci dobbiamo vergognare? bravo bravo,mettici la faccia e poi ne parliamo.

      Elimina
    2. Prima cosa anche tu ti sei nascosto dietro un anonimato e la faccia come vedo nn ce l'hai messa!!!io a 30 ho fatto cose per pontelatone che una persona di 50 hanni nemmeno si sogna per fa che all'inizio essere lodati e poi con il tempo insidiati dai soliti Malpensanti di ricavarne solo profitto dalle manifrstazioni portate avanti da un gruppo di giovani come me con le nostre forze senza l'aiuto di nessuno solo con la nostra voglia di fare!!! Mi viene il nervoso quando apro sto sito e vedo commenti sul mio paese da parte di persone che lo hanno abitato da giovani e che facendo domande in giro nn erano altro che un peso morto e insignificante della societa' dei tempi!!!!Vergogna!!!!....

      Elimina
  8. buona sera.l'opposizione a pontelatone dov'è?a leggerlo così,questo sembrerebbe il titolo di una canzone o di un libro.in verità è la domanda che mi sto ponendo da parecchio tempo.mi sembra che non c'è mai stata.

    RispondiElimina
  9. Buonasera,il problema non è l'opposizione, fa o non fa,la verità è che soldi non c'è ne sono per nessuno,quei quattro spiccioli della camera di commercio che sono arrivati a Natale,(il 50%) erano per quella festività, quando si è organizzato il fuoco di San Antonio Abbate,poche persone,si sono adoperate,lavorando per la riuscita della serata. Impegnarsi significa lavorare gratis,e molte volte mettersi la mano in tasca,e comprare quello che serve,a che scopo? io singolo cittadino devo promuovere una qualsiasi festività, per riempire i locali commerciali del centro di Pontelatone? Io vado a lavorare gratis,per il bene di Pontelatone, e gli alti si riempiono le tasche? mi dispiace deludervi, se devo lavorare per la comunità, non lavoro, preferisco riposare.

    RispondiElimina
  10. Ciao!Scusate ma xkè nn si fa come x la festa dlla madonna,andiamo x le case ki nn ti da 1 euro x organizzare un bellissimo carnevale o un'altra cosa in paese.A me sembra ke manca anke la volonta da parte di ki si dovrebbe interessare.Kosì l'amministrazione davanti a qst brutte figure cambia atteggiamento

    RispondiElimina
  11. nn sn convinta ke i soldi nn ci sn x nessuno

    RispondiElimina
  12. Buonasera, i soldi ci sono, non ci sono, facciamo una sottoscrizione come per la festa padronale, ma che state dicendo? La festa di carnevale la devono organizzare i locali commerciali,del centro cittadino,se hai gestori dei locali commerciali non interessa fare festa,riempire i propi locali di persone, anche se spendono pochi euro, ma spendono, noi comuni mortali maggioranza o opposizione che dobbiamo fare? A Formicola sono i bar,i negozzi di abbigliamento che finanziano, la pro-loco finanzia quattro spiccioli di euro per stampare il programma che viene affisso nei bar Formicolani, e pubblica sul suo sito l'evento, morale della favola? hai nostri commercianti le cose stanno bene così,facciamocene una ragione, e se vogliamo festeggiare andiamo a formicola!!!!!

    RispondiElimina
  13. Sono ben tre anni circa, che quotidianamente sono oggetto di schifose ingiurie, molto gravi e che coinvolgono soggetti della mia famiglia del tutto estranei al Blog. Non è da me dare voce allo squallido, anche perchè so per certo che la mia educazione non mi consentirebbe di scendere alla pari di questi scadentissimi nonché vigliacchi individui. Continuate pure così, manifestate tutta la vostra rozza persona. Io non sono così, anzi... Andare a scrivere, oggi, che il medesimo, da giovane “ non ero altro che un peso morto e insignificante della società dei tempi “, è solo il frutto di una minuscola mente malata. Il mondo intero, pur è a conoscenza che ho iniziato a lavorare che avevo solo tredici anni in una azienda di Pontelatone, un'esperienza lavorativa che s'e' protratta sin all'età di trentadue anni. A mio avviso, e di certo anche di altri, un “ peso morto ed insignificante della società “, è chi si nutre come un parassita del sangue degli altri, magari del padre o della madre. Io, questa forma malata di parassitismo, non l'ho mai avuta, ho dovuto sgobbare letteralmente per concedermi qualche “ lusso “, sin da ragazzino. Individui di una certa caratura, in me, non fanno nascere un sentimento di “ nervoso ”, bensì di compassione...

    RispondiElimina
  14. Soldi o non soldi?il carnevale è sempre stato organizzato con l'aiuto dei commercianti che siano di sotto,del centro,di sopra,di liberi o di formicola...(vedi cartello ringraziamento sul carro allegorico trebulatonese)il fatto che si svolga a formicola è semplicemente perchè la logistica della piazza è tale da permettere sfilate a piedi e con carri e il trovarsi di tre bar proprio nel mezzo è normale che l'insieme funzioni.la ricerca dei fondi per manifestazioni popolari quali torre d'oro,festa degli anziani,torneo rionale o chi non ricorda i giochi in occasione delle sagre?..si può fare un fondo cassa con la famosa riffa,si spende un pò meno per l'artista di turno e facciamo felici tutti......

    RispondiElimina