C'e' poca trasparenza da parte dei fornitori di gas, elettricità ed acqua

di Domenico Iodice

Formule segrete per celare la poca trasparenza dei fornitori di gas, luce ed acqua

Ma quale trasparenza, quale chiarezza! I fornitori di gas, elettricità ed acqua tutto sono tranne che chiari e trasparenti, ad iniziare dalla mera spedizione della fattura. Non so se avete avuto l’occasione di notarlo, ma spesso le utenze arrivano a destinazione il giorno della scadenza se non, addirittura, già scadute da qualche giorno. Sarà poi vano ogni tentativo di capire, dalla busta, se la fattura è stata spedita in ritardo dalla società o recapitata tardivamente da chi distribuisce la posta: nessun timbro con data e quindi il “cerino acceso” della scadenza rimane in mano sempre al solito, cioè all’utente.
Prendiamo ora ad esempio la fattura che ci ha inviato il nostro fornitore di energia elettrica. Il documento è composto, tra “Servizi di vendita”, “Servizi di rete” ed “Imposte” da ben 64 voci: una follia, forse, anche per i più esperti. Tra le 64 “incognite lessicali” si possono anche leggere termini quali Componente di dispacciamento, Corrispettivo di sbilanciamento ed un’inquietante perdite di rete: il calcolo di queste ultime, come riporta la stessa fattura, si basa su quanto sancito da una deliberazione (la n. 5 del 2004) dell’Autorità per l’Energia Elettrica ed il Gas: un atto facilmente rintracciabile in rete e che si invita a leggere perché è uno dei simboli della più assoluta assenza di trasparenza da parte degli enti dello Stato nei confronti dei cittadini. Pensate soltanto che a pagina 13 del provvedimento si può trovare anche la siffatta formula: CA=∑∑pgf*qc,NM*φ*λ+∑Ct*qc,NM*λ. 
Siamo rimasti sconcertati, oltre al mistero della formula che non siamo riusciti a svelare, questo nonostante l'ausilio della rete. 
Vedere per credere e altro non ci sentiamo di aggiungere, tranne che magari forse qualcuno di voi abbia un colpo da genio e sveli l'arcano.










Share on Google Plus

Autore: Domenico Iodice

Giornalista

0 commenti:

Posta un commento