Ora legale: si stima un risparmio economico per l'anno 2014 di circa 92,6 milioni di euro

di Domenico Iodice

Lancette un'ora in avanti nella notte tra sabato e domenica


Durante il periodo di ora legale, che è stato posto in essere nella notte tra sabato e domenica, con lo spostamento delle lancette degli orologi un'ora in avanti, si prevede, nei prossimi sette mesi, un risparmio complessivo dei consumi di energia elettrica pari a 556,7 milioni di kilowattora.
Si tratta di una quantità di energia corrispondente al fabbisogno annuo medio di circa 200.000 famiglie italiane e non. In termini di costi, considerando che un kilowattora costa in media al cliente finale circa 16,6 centesimi di euro al netto delle imposte, la stima del risparmio economico relativo all'ora legale per l'anno 2014 è pari a circa 92,6 milioni di euro.
Dall'anno 2004 al 2013 l'Italia ha risparmiato complessivamente circa 6,6 miliardi di kilowattora, corrispondenti a circa 950 milioni di euro di minor costo. Nel periodo primavera-estate, il mese che segna il maggior risparmio energetico stimato è Aprile, con 144,2 milioni di kilowattora (pari al 26% del totale). In autunno, invece, il primato va al mese di Ottobre con 152,3 milioni di kilowattora risparmiati. Questo è dovuto al fatto che Aprile ha giornate più “corte” in termini di luce naturale, rispetto ai mesi dell'intero periodo.
Spostando in avanti le lancette di un'ora, quindi, si ritarda l'utilizzo della luce artificiale in un momento in cui le attività lavorative sono ancora in pieno svolgimento. Nei mesi estivi, da Giugno ad Agosto, invece, poiché le giornate sono già più lunghe rispetto ad Aprile, l'effetto “ritardo” nell'accensione delle lampadine si colloca nelle ore serali, quando le attività lavorative sono per lo più terminate, e fa registrare risultati meno evidenti in termini di risparmio di elettricità. Va inoltre rammentato che la maggiore richiesta di energia elettrica nei mesi estivi più caldi è dovuta all'utilizzo dei condizionatori d'aria, ed è quindi indipendente dall'ora legale, poiché legata esclusivamente a fattori climatici e di temperatura e non al maggior numero di ore di luce naturale.









Share on Google Plus

Autore: Domenico Iodice

Giornalista

0 commenti:

Posta un commento