Pontelatone, elezioni comunali 2016: il tempo della ricreazione è terminato, i cittadini si aspettano una proposta seria e produttiva

di Domenico Iodice

La campagna elettorale, nonostante le temperature continuino ancora a farsi beffa di noi, si preannuncia rovente


PONTELATONE – La campanella è suonata. Non quella della ricreazione, stavolta il tempo è terminato. Quello della politica a Pontelatone senz’altro. Il fallimento è talmente grande che i suoi interpreti locali arrivano a farci anche un po’ pena, tipo i giapponesi asserragliati nella foresta a guerra conclusa. Non ne vogliono sapere che il loro tempo è ormai concluso. No. Ti guardi intorno, leggi sui vari profili Facebook di gente locale, qualche Blog, e vedi sempre gli stessi personaggi e volti; ascolti sempre la stessa musica; ti spappoli il fegato sempre alla stessa maniera. Pontelatone è l’unico luogo su questa Terra che le cose non vanno come in altri posti. Se dappertutto o quasi le cose girano in un certo senso, qui si va nella direzione opposta. Il dubbio che la storia non insegni mai nulla ti pervade sin a logorarti. In tanti anni non sono stati capaci di esprimere un solo rinnovato progetto per questo paese; di giungere alla definizione di una piattaforma di idee concrete; di guardarsi negli occhi e scegliere chi, fra loro (o guardando anche al di fuori della cerchia più ristretta di amministratori) potesse interpretare al meglio la diffusa richiesta di cambiamento e di rinnovamento che si alza dal paese. 
Non ce ne voglia alcuno: politicamente parlando, non se ne salva nessuno, non esistono coscienze sane. E a questa politica locale, inconcludente e ripiegata su esigenze di visibilità e di personali interessi piuttosto che sulle aspettative legittime di una comunità, non vogliamo dar più credito. Anche perché di figure di riferimento non ne intravediamo.
La politica – questa pseudo politica – prenda invece atto del suo fallimento e si apra a nuove possibilità, ad un rinnovamento vero. A Pontelatone e nel suo circondario abbiamo bisogno di rinnovare la speranza. Bisogna che ognuno di noi si convinca a combattere per la speranza perché il territorio ha bisogno di questo. Non basta solo lamentarsi. E noi siamo stanchi di lamentarci. Alimentiamo la speranza e con questa nostra nota compiamo l'ennesimo atto di coraggio.
Il tempo è scaduto, il confronto e il dialogo non possono essere infiniti, devono produrre necessariamente una proposta concreta e seria per Pontelatone, visto che mancano solo due settimane circa dalla presentazione delle liste. 








Share on Google Plus

Autore: Domenico Iodice

Giornalista

15 commenti:

  1. Caro commentatore anonimo delle ore 14.39 (non pubblico il tuo commento perchè troppi nomi tranne il tuo), ma quale "batosta" dovrei prendere io? Ti rammento che sono fuori da tutto, ma questo lo sai, ne sono certo. Oggi, Pontelatone, ha un vuoto di rappresentanza politica, vuoto che puntualmente e legittimamente viene riempito da Formicola. Questo vuoto, legittima oggi anche l'interesse nello stare sempre in mezzo (come il prezzemolo) di qualche "dinosauro" che non ha più nulla da dare politicamente al paese. A cosa possa servire la candidatura di un consigliere che non ha prodotto niente in questi pochi anni passati? Onestamente, a niente! Ti saluto...
    =))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma non si può dire certo che tu sia imparziale, questo almeno lo riconosci?
      P.S. : non sono il commentatore sopra citato.

      Elimina
    2. Mi illumini, a favore di chi sono io oggi?
      :-?

      Elimina
    3. Visto che mi da del lei farò altrettanto, chiaramente non le va a genio l'attuale amministrazione, non posso darle torto, chiaramente non è a favore della nuova lista degli ex sulla quale tutti vedono l'ombra nera di qualche personaggio esterno al nostro comune, quindi ne resterebbe una se si riesce a formare, ma aldila' delle critiche che tutti possiamo permetterci perchè grazie a Dio siamo in democrazia, ma quando intendete un rilancio della comunità da tutti i punti di vista, di cosa parlate esattamente, qual'è il vostro programma?

      Elimina
  2. Signor Iodice ma e' vero che Amedeo Izzo fara' l'assessore?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Farà pure il vicesindaco e il figlio di Cutillo sindaco e tutti gli altri alzeranno la manina ma devono prima vincere ah ah che isalata

      Elimina
  3. La notte dei lunghi coltelli e dell’eredità contesa è quindi appena iniziata anche all’interno della falange carusoniana, a dimostrazione del fatto che sarà anche vero che non tutti i politici sono uguali ma sicuramente sono molto simili.

    RispondiElimina
  4. Esatto,diamo spazio ai giovani,forse meglio i ragazzi che alzano la manina.

    RispondiElimina
  5. Vedo con amarezza che la volontà di instaurare un dialogo serio e costruttivo viene a mancare anche in questa sede, purtroppo se si continua a fare commenti sterili basati sul deridere gli altri non rispettando le loro scelte giuste o sbagliate che siano non si andrà mai da nessuna parte, spesso lo schieramento politico viene tramutato poi in una specie di pretesto per odiare gratuitamente un concittadino, se siamo a questo stato è anche grazie a noi cittadini che invece di parlare liberamente abbiamo sempre taciuto, l' attuale classe politica non è altro che lo specchio ed il prodotto della pusillanimità dei Latonesi.
    In tutto questo specifico che pur essendo contrario ho tanta stima per l'attuale Sindaco che almeno ha avuto le palle di dissociarsi da una certa corrente negativa, magari non ha un team eccellente, forse è l'unica pecca.
    Cari vuotti, prima di parlare, riflettete, ma soprattutto ragionate con la vostra testa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Antonio se fa una lista con le palle ,togliendo qualche elemento e inserendo dei bravi e volenterosi ragazzi,le elezioni le vince con una coscia sola.Da quello che si sente in giro i giovani stanno scegliendo la crema,e l'assessore esterno lo fa Marcuccio.

      Elimina
    2. Quindi il Sindaco uscente dovrebbe in pratica lasciare a casa tutti i membri dell'attuale amministrazione?

      Elimina
    3. Probabilmente si!Il fatto che alcuni danno come motivazione della loro candidatura l'avvicinamento del posto di lavoro non è un buon biglietto da visita per chi dovrebbe impegnarsi per aggiustare le cose, che qualcuno abbia attività commerciali lascia presagire un certo conflitto di interessi e considerando che appunto a malapena riescano a dire al massimo due parole in Italiano di fila si, Antonio non doveva permettere questo, ma probabilmente avrà trovato già i giochi fatti, il fatto che ci stava rimettendo la pelle è probabilmente conseguenza che la barca avanti la doveva tirare lui da solo.
      Non saprei, ma certo andrebbe rinnovato l'ambiente, ma se poi ci si rimette sotto la sudditanza di Formicola per ovvii motivi finiamo col fare peggio.

      Elimina
  6. Ma non sarebbe meglio che Tatonno Amedeo e Funzino e pure i figli se ne stanno a casa una volta per tutte? Questo si chiama rinnovamento invece mettiamo pure i figli ma quando vi scollate dalle poltrone mai?????

    RispondiElimina
  7. Da quello che sento,non c'è una mezza verità,ma é ovvio che si vuole smontare i giovani,raccontando frottole,perché ovviamente un po' di paura gli amici della maggioranza la sentono..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La paura viene quando uno ragiona con la sua testa,ma sappiamo chi sono i masti ti stanno mandando casa per casa a chiedere consensi,guarda che la faccia ce la stai mettendo tu,loro se ne laveranno le mani!il paese è piccolo i fatti si sanno

      Elimina