Pontelatone: un degrado politico-amministrativo senza vergogna

di Domenico Iodice

Al centro della vita sociale e della comunità latonese non c’è solo l'arroganza, le prepotenze, lo schierarsi dalla parte di qualcuno perchè deve essere per forza così: ci sono i valori umani e politici degli individui. Una società esiste quando al centro ci sono i cittadini, sono loro a orientare e finalizzare la società, non l'opportunismo degli amministratori comunali



PONTELATONE – Le ultime scandalose notizie riguardanti l'assunzione in concomitanza delle Elezioni comunali 2016 a Pontelatone del padre del consigliere Leandro Sabino da parte della ditta che sta svolgendo lavori di rifacimento del camposanto del paese, lasciano attoniti e preoccupano profondamente tutta l’opinione pubblica latonese. A Pontelatone sono stati svolti lavori pubblici per un lasso di tempo notevole, nessun latonese è stato mai inserito nella pianta organica lavorativa dei tanti cantieri aperti in paese. L'ex sindaco Carusone è stato oggetto di molte lamentele e critiche da parte di molti cittadini, appunto per queste assenze locali nei tanti cantieri operanti sul territorio comunale. Carusone e la sua amministrazione si son sempre difesi dicendo che nulla potevano fare affinchè qualche cittadino del luogo facesse parte dei vari nuclei lavorativi presenti in paese. Oggi, guarda caso, per combinazione e ad opera del fato gentile, una ditta che sta svolgendo lavori di ristrutturazione, assume un manovale di Pontelatone. Guarda un po'.
Scoprire, infatti, che il consigliere Sabino continua a conservare la carica, ossia quella di rappresentante della comunità latonese, passando quindi da tutelatore di interessi pubblici a privati; rappresentano la prova che i nostri amministratori comunali di oggi e di ieri hanno smarrito il minimo senso del pudore.
Solo in un minuscolo paese come Pontelatone, abituato a tutto e al contrario di tutto, si possono verificare simili episodi e si possono tollerare tali prepotenze a beneficio di pochi e a danno di molti. Qualcuno si domanderà del perche' “molti”? Questi episodi non sono certo aspetti gratificanti di cui andare fieri.
In qualsiasi altro paese, dissimile dal nostro, si sarebbe gridato allo scandalo e si sarebbero intraprese immediatamente tutte le iniziative per cacciare dai loro incarichi gli autori di tali azioni.
A Pontelatone, invece, fatta eccezione di alcuni latonesi e qualche organo di stampa, ci si comporta come se nulla fosse.
Tutto ciò è la prova che il nostro paese si sta avviando verso un degrado sociale, politico ed economico da cui sarà ostico venirne fuori.
Un sindaco appena più responsabile e appena più consapevole della gravità e del dramma che il paese sta attraversando, si dimetterebbe immediatamente e permetterebbe di tentare una rinascita oggi seriamente compromessa. Ovviamente, per i clienti politici di questa sciagurata classe dirigente-amministrativa, non esiste nulla di quello denunciato sin ad ora.
In una realtà come quella di Pontelatone, neppur statisti del calibro di Cavour, Giolitti e De Gasperi, senza altri membri locali in Consiglio comunale, sarebbero capaci di governare adeguatamente; figuriamoci un sindaco attuale che politicamente è stato sempre vicino proprio a chi ha ridotto il paese in questo stato pietoso, che oggi è “ostaggio” appunto di tali politici locali incapaci ed opportunisti, che è peraltro privo di qualsiasi libertà amministrativa-politica proprio perchè ci ritroviamo una Giunta comunale composta dagli stessi membri di sempre quando si doveva dare necessariamente un segnale forte di discontinuità col passato inserendo volti nuovi. Rammentiamo bene le parole che proferì l'allora candidato a sindaco del paese Esperti durante il comizio elettorale del venerdì antecedente al voto: "Non sarò il burattino di nessuno..." Bene. Nuovo sindaco  in paese sì, ma vecchie logiche di spartizione del potere di quella che una volta si chiamava Democrazia Cristiana.
Ci aspettiamo che qualche nuovo consigliere comunale, anche quelli fortemente legati da un grado di parentela con vecchi amministratori, prendano di petto la situazione e diano una speranza al paese ed alla sua comunità.
Pontelatone non può più perdere altro prezioso tempo e non può accettare passivamente provvedimenti cervellotici, buoni solo a creare danni e ad incanalare acqua verso il proprio mulino.
Di simili personaggi non ne sentiamo proprio il bisogno. A noi latonesi che vi conosciamo come il Settebello nel mazzo di carte da gioco napoletane, non apparite credibili quando vorreste farci credere che voi siete spinti da un ritrovato senso civico e di appartenenza, che si muove grazie alla finalità al bene comune intesa come la caratteristica essenziale di un ordine civile autenticamente democratico.
Nel perseguire questo disegno c’è la necessità di una moralità politica costruttiva da recuperare proprio alla luce dei fatti amministrativi-politici poco edificanti di questi giorni addietro. Fatti poi che si possono considerare soltanto un mezzo e un adattamento mediocre e misero alle situazioni fallimentari derivanti dall'operato di qualche vecchio politico opportunista del paese.  











Share on Google Plus

Autore: Domenico Iodice

Giornalista

40 commenti:

  1. Stessa gente al comando , e stessi che comandano , non capiamo niete perché non abbiamo il coraggio di reagire , resteremo sempre sotto lo schiaffo di qualcuno e guai a lamentarci .
    Mi voglio rivolgere al Sindaco ESPERTI , spero che starà facendo le giuse indagini e controlli sul caso , spero che la sporcizia e il malumore passi via dal nostro piccolo paese , Adrià ora che comandi tù come ci dici questo non so fatti valere e cambia faccia al paese , se posso darti u consiglio :
    ha delle persone validissime perché non mette loro a fianco a lei invece dei soliti Tipo il dottore e il sig. Izzo e mette facce nuove e fresce da portare freschezza al popolo .
    Sindaco nuovo e vecchie abitudini , a nemmeno un mese dala tua elezione ben 2/3 volte il giornale di Caserta ha parlato di Pontelatone nel peggior modo possibile , ma ci rendiamo conto?

    RispondiElimina
  2. ma quale degrado e che a treglia non ci sono manovali!

    RispondiElimina
  3. Scusate ma anche se il padre di Sabino e' stato assunto prima delle elezioni che cambia???? Ma che stiamo scherzando deve dimettersi lo stesso ma come puo' lavorare per una ditta che ha preso un lavoro dal comune????? Altrimenti si dimettere Leandro che non lo sapeva quando si e' candidato che non e' possibile???

    RispondiElimina
  4. Come siamo caduti in basso!!!!

    RispondiElimina
  5. Facciamo un referendum:
    E giusto che il sindaco faccia assumere persone del posto quando ci sono dei lavori?

    RispondiElimina
  6. Il giornale di Caserta parla negativamente di Pontelatone perche' qualche nostro concittadino artatamente invia in redazione le notizie che poi leggiamo.
    Ma poi la realta' e' quella che leggiamo? Il problema e' la mancata corresponsione dello stipendio e quindi bene fanno gli addetti a reclamare I loro diritti, ma chi li deve pagare?

    RispondiElimina
  7. Ma la vogliamo smettere di fare critiche a nemmeno un mese dalle elezioni?! Diamo almeno 6 mesi di tempo al nuovo sindaco da capire il funzionamento dell'attività amministrativa......e poi ben vengano le critiche. Caro amico che hai perso le elezioni, se la gente voleva cambiare perché non ti sei messo tu a capolista come hai sbandierato per mesi e poi ti sei stato appannaggio di un candidato di appena 15 voti?! La gente vuole i fatti non le chiacchiere e tu di chiacchiere ne hai da vendere.....ridicoli

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vai dormire che la mattina ti devi alzare presto se no poi ti fai altri film

      Elimina
  8. Parto con una premessa: non ho nulla da criticare al neo sindaco come persona,nè tantomeno come polico perchè è prematuro farlo.
    Il problema secondo il mio punto di vista è che il neo sindaco è circondato da persone che da decenni sono impegnati in amministrazione e non hanno MAI mosso un dito per il bene comune, ma hanno pensato solo ed esclusivamente ai propri interessi e a quelli di qualche amico a discapito della stragrande maggioranza dei cittadini.
    Vi siete mai chiesti perchè questi signori non fanno un passo indietro e lasciano spazio anche agli altri?
    La risposta è ovvia: devono continuare a fare i loro comodi.
    QUESTA E LA VERA VERGOGNA....SPERO SOLO CHE LA ESPERTI NON SI FACCIA CONDIZIONARE E AGIScA NEL MIGLIORE DEI MODI PER LA COLLETTIVITA

    RispondiElimina
  9. Che vergogna il problema e che ancora hanno il coraggio di parlare, hanno fatto una fatto una campagna elettorale sporca andando a casa della gente fino a domwnica, credono di aver merito la vittoria ma sbagliano continueremo a fare opposizione.
    Il fatto e che la scorsa amministrazione era prossoche assente a iniziare dal Sindaco, ora vincete ma non e meritate e continuate a fare la politica sporca che avete fatto basta basta voglio per il mio paese trasparenza e lealtà

    RispondiElimina
  10. IL VENTO STA CAMBIANDO!
    LO SO CHE ANCORA NON LO SENTITE, MA STA CAMBIANDO; CI SONO SEGNI IMPERCETTIBILI NELL'ARIA, MA CI SONO, CI VORRA' ANCORA TEMPO, PARLO DI ANNI, NON TANTI MA QUANTI BASTANO PER FAR CRESCERE IL CORAGGIO E LA VOGLIA DI CAMBIARE CHE RISIEDE NELLE NUOVE GENERAZIONI, CHE STANNO CRESCENDO CON L'OTTICA DELLA NON SOTTOMISSIONE E DEL NON SERVILISMO, MA BISOGNA SEGUIRLI E NON PERDERLI DI VISTA, COINVOLGERLI E NON ESCLUDERLI, ASCOLTARE I LORO PARERI E NON GIRARSI DALL'ALTRO LATO, CONVOCARLI SE E' NECESSARIO A FAR DECIDERE ANCHE A LORO.
    CARA ADRIANA, TU QUESTA COSA SE VUOI LA PUOI FARE, FALLA E COMINCIA A COSTRUIRE TRA QUESTE MACERIE UNA NUOVA GENERAZIONE POLITICA, ABBINE IL CORAGGIO PERCHE' QUELLO NON TI MANCA.
    FORZA!!!!!

    RispondiElimina
  11. Anonimo del 1 luglio
    Parla tanto per parlare ti ricordo che il 5 giugno a Pontelatone ci sono state le prime comunioni e quasi tutti I candidati erano interessati da tale evento
    Ma forse tu non vivi qui e non lo sapevi

    RispondiElimina
  12. Il vento e' gia cambiato la lissta dei giovani(quasi tutti figli d'arte) e' stata affidata ad uno attaccatissimo alla poltrona.
    I figli, politicamente,di nessuno sono stati candidati con adriana....mi chiedo il perche'. Vuoi che la coerenza abbia permesso cio? Vuoi che forse hanno trovato cio che immaginavano? O sono dei venduti?
    A loro e' stato negato uno spazio o stanno condividendo un percorso?
    La critica e' il dale della democrazia la denigrazione a tutti I costi non so cosa sia e non so a chi giovi ma comunque non giova al paese.
    Il bene comune lo si vede nei fatti non nelle parole,nelle settimane scorse, almeno sui social, abbiamo letto tante vaghe ricette sulla soluzione dei problemi di questo paese,ma se andiamo ad analizzare I fatti ci ritroviamo con grosse incongruenze e contraddizioni a cominciare dal candidato a sindaco seguendo al piu votato della lista e continuando al meno votato senza parlare del mancato sindaco.
    Ha ragione Domenico il degrado sociale e' tale da riuscire a confondere tutti

    RispondiElimina
  13. a parte che i candidati della lista n 2 erano politicamente nuovi tranne la scelta del capolista che non ho mai condiviso (non so come mai sia ricaduta su di lui ).Avrei visto bene la Esperti con quel gruppo di giovani, leali e onesti, usciti egregiamente e con dignità da questa campagna elettorale dove non sono mancati, chiamiamoli così, colpi di scena e di sicuro avrebbero dato una nuova impronta al Paese

    RispondiElimina
  14. Solita gente ed Adriana e la loro pedina, spero solo che cambi idea sul Vice e sul sig. IZZO, cambia le persone ora persone fresce di politica ci sono spero che le userai.
    Spero che cambino un po' di cose, vorrei vedere il paese pulito il cimitero privo di erbacce ed in ordine.
    Come main altri comuni una persona fa più cose mentre a Pontelatone abbiamo bisogno di più persone, bisness quello amico di quell altro io metto a posto mio fratello ti tuo cugino ecc. La sporca politica spiego a questo punto che il comune venga sopresso e andiamo a finire nelle mani dei Formicolani ci sta bene siamo pecoroni

    RispondiElimina
  15. La matematica e' un opinione la lista numero 2 apparentemente aveva volti nuovi, nei fatti il 27% era rappresentato dalla sola famiglia Izzo,con Di Pasquale si artiva al 36 e con Cutillo (la campagna elettorale e'stata condotta esclusivsmente dal padre) si arriva al 45% per raggiungere il 54% con altro figlio d'arte.il rinnovamento non credo abitasse nella lista 2

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Azz che calcoli!!! E la lista n.1???

      Elimina
    2. Tutti cognati è fatta a livello familiare

      Elimina
    3. Ah ecco! È a conduzione familiare...ahahahah

      Elimina
  16. Vorrei conoscere I nomi dei parenti messi a posto come sostenuto dall'anonimo del 2 luglio.
    Ma credo che per conoscerli bisognera' rivolgersi a qualche strenuo sostenitore della lista 2 sicuramente sapra' darmi lumi.
    Il consenso della lista 1 non e' stato ampio proprio perche' frutto delle cose fatte e non dei favori fatti.Ovviamente la lista 2 anch'essa non ha avuto consensi per favori fatti,ma qualche elemento ha beneficiato di di vecchie cose.Come precedentemente scritto da qualcuno il vento sta' cambiando lentamente ma sta' cambiando, per questo che I signori che oggi stanno con Adriana hanno vinto e Adriana vincera' anche in futuro perche' se ha deciso di capeggiare la lista 1 vuol dire che ne condivide I principi e conoscendo Adriana non possono che essere principi sani

    RispondiElimina
  17. Ha vinto soprattutto per treglia che ha votato Tatonno nulla da eccepire per A Adriana ma la musica e la stessa

    RispondiElimina
  18. e la prossima volta adriana insieme a TOTONNO a treglia invece di 250 voti ne prenderanno 300 . e LEANDRO sarà il primo eletto , perché ai tregliaiuoli toccategli tutto, ma non un tregliaiuolo. poi a maggio 2021 ve ne ricorderete bene di PARENTOPOLI

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nel 2021 Adriana, Totonno e Francesco Izzo prenderanno 400 voti a treglia e 800 a Pontelatone...si presenterà solo la loro lista...i ragazzi,che già oggi sono pochi per motivi di lavoro, non ci saranno...andranno via da qui (e fanno bene). Così rimangono solo loro :)

      Elimina
    2. I sogni son desideri, nel 2021 il comune non ci sarà più, perché sereno ancor più pieno di debbiti da non poter star più aperti e faremo parte del comune di Formicola 😀.
      Siamo capre

      Elimina
  19. Secondo ne se ne parlerà ancor prima del 2021, i posti usciranno solo per i pochi raccomandati.
    Speriamo che ci chiudono cosi si finisce sta musica di m...
    Non meritiamo niente di niente ammassa di pecoroni

    RispondiElimina
  20. Ma che posti devono dare che sono disocupati prima loro

    RispondiElimina
  21. IL VENTO STA CAMBIANDO!
    Così mi riconoscerete ogni volta, sono quello che parla tanto per parlare: io non mi riferisco a tutti gli attuali attori della scena pontelatonese, perchè oltre a non avere tempra e carattere non hanno neanche le capacità intellettive e culturali per poter cambiare qualcosa, tranne il neo Sindaco che però deve staccarsi da quella corrente.
    Ci saranno volti nuovi, una squadra di persone che persevererà anche di fronte a ripetute sconfitte, non molleranno un attimo, non vi daranno pace, a qualsiasi costo.
    IL VENTO STA CAMBIANDO!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il nuovo Sindaco del paese aveva la possibilità di scegliere, ossia quella di proseguire sulla scia di vecchi metodi e logiche oppure aprire un nuovo capitolo politico-amministrativo. Non lo ha fatto. Basti pensare al solo fatto che, anche oggi come ieri, proprio le decisioni più importanti, sono sempre a discrezione di un metodo politico improduttivo e fallimentare che ha circa venti anni di vita e che ha ridotto il paese in questo stato. Alcuni giustificano la scelta del Sindaco come elemento di esperienza amministrava da parte del vicesindaco Carusone e dell'assessore Izzo. Nulla di più sbagliato di questa giustificazione. Carusone ed Izzo potevano apportare il loro contributo conoscitivo anche da semplici consiglieri comunali e senza alcuna carica. Queste, ossia le cariche di rilievo, se veramente volevamo cambiare passo, dovevano essere fatte indossare da volti nuovi. Questi pochi ma significanti fatti, ad oggi, ci portano a dire che il sindaco Esperti ha aperto la sua pagina politica locale nel peggiore modi. Confidiamo in una presa di posizione da parte dei nuovi membri di questa vecchia, ma tanto vecchia amministrazione comunale del paese. Il paese resisterà altri cinque anni, e cosa rimarrà?
      La cosa più facile sarebbe vestirsi di ottimismo, la storia, però, ci suggerisce che al peggio non c’è quasi mai fine.

      Elimina
    2. Bisogna organizzare incontri, seminari multidisciplinari dove far sviluppare nuove coscienze, per fare questo si può anche prescindere dalla politica, ma in questo modo ci si ritrova faccia a faccia a discutere di varie problematiche in maniera aperta e civile, coinvolgere i giovani, giovanissimi, per me quelli oltre i trenta già sono vecchi e attaccati al vecchio sistema, far crescere e seguire le nuove generazioni, ci vorranno anni, ma purtroppo caro Mimmo il problema per come si presenta oggi non è affatto risolvibile in due o tre mesi o forse nemmeno in un anno, spero solo che qualcuno cominci a ragionare in quest'ottica, altrimenti resteremo per sempre a far solo chiacchiere.

      Elimina
    3. Depositiamo in un dimenticatoio il vocabolo “giovane”. Questo non è sinonimo di buona riuscita o altro di positivo. Un gruppo di latonesi che si voglio spendere senza alcuna finalità e seriamente per il paese. Giovani, adulti, anziani. Io continuerò nel far cresce il gruppo Amici di Beppe Grillo Pontelatone, anche se ad oggi sicuramente non è di ridotte dimensioni locali, questo è di sicuro coerente e dalla parte del paese e della sua comunità. Si organizzeranno una serie di focus su molte criticità del paese. Auspico di coinvolgere in molti. Colgo anche l'occasione per invitare proprio chi crede di identificarsi nel nostro progetto per il paese ad aderire. Quello che “spaventa” è che una parte del paese ha assunto il carattere culturale-politico del “do ut des”. Questo non ha mai mirato al bene comune, solo a una forma di conservazione del potere da parte di pochi a scapito di molti. Le chiacchiere le lascio ad altri, io ci metto la faccia e mi espongo in prima persona. E mi perdoni se è poco.

      Elimina
    4. Si infatti solo quella ci puoi mettere perché per il resto.....!!

      Elimina
    5. gia' e' qualcosa rispetto a te. non trovi?????

      Elimina
    6. Ma guarda un po', un soldatino politico che si firma anche, che coraggio, complimenti, ma restate pur sempre oppositori sterili, buona fortuna cara Anna a tutti voi e vostri futuri e copiosi fallimenti.

      Elimina
    7. Anche tu ti firmi Anonimo, cmq e vero che siamo perdenti ma almeno siamo onesti

      Elimina
  22. Ma non vi vergognate votate e avete votato solo per amicizie favoritismi e quant'altro perché non ci impegnano tutti a cambiare il nostro paese che versa in condizioni pietose a partire dall'illuminazione alle strade ai fossi ma vegogniamoci!!!facciamo in modo che le cose cambino a prescindere dall'amministrazione

    RispondiElimina
  23. Qualcuno sa dirmi come e andato il consiglio di ieri??????????

    RispondiElimina
  24. Direttore Iodice, so che era presente al Consiglio comunale di martedì, vuole per favore fornirci una crono story dei fatti a noi sfortunati pontelatonesi?

    :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bravo,oppure tutti quelli non eletti della minoranza...invece di scrivere commenti sul blog,andatevi ad informare nelle sedi opportune

      Elimina