Pontelatone, amministratori comunali: pensare a progetti da realizzare per il bene di tutti i cittadini, sono parole sconosciute

di Domenico Iodice

Attenzione per le future elezioni, non fatevi imbrogliare da chi si traveste da leone ma in realtà è un vecchio volpone


PONTELATONE – Spesso si sbaglia quando si va a votare. I Politici sono abilissimi nel fare propaganda e nel presentarsi agli elettori con pregi e virtù che molte volte in realtà non hanno. Spesso però, anche gli elettori sono ingenui e scambiano dei volponi per leoni coraggiosi, paladini dei diritti dei cittadini, promotori del bene comune, mossi da uno spiccato senso civico. Quando poi se ne accorgono è troppo tardi e sono costretti a sopportarli con grande delusione e danno. Alcune persone cercano invano di metterli in guardia ma, puntualmente, ogni volta a Pontelatone gli elettori ci ricascano. Speriamo che dopo l’ennesimo avvertimento e l’ennesima fregatura non ci ricaschino ancora in modo che la prossima volta si possano eleggere leoni veri, motivati e pieni di voglia di fare.
Quante volte noi stessi, fondatori di questo portale web, abbiamo tentato dalle vie del paese e con gli scritti, esponendoci con coraggio e sempre in prima persona, di far carpire alla cittadinanza che quando va ad esprimere il proprio voto deve scegliere i candidati che sono all’altezza di amministrare Pontelatone, che hanno cuore, coraggio, volontà e competenze per svolgere tale importante, ostico e delicato compito. Purtroppo siamo rimasti spesso inascoltati e la storia di Pontelatone ci insegna che si continua a votare i soliti notabili che ci hanno fatto un favore o che ci promettono di tutto, il parente, l’amico, il conoscente che ci può servire. Ogni volta ci facciamo abbindolare dalle promesse fatte da persone mascherate da amici, da finti paladini dei diritti dei cittadini e con millantato coraggio da leoni per affrontare i grattacapi ed i nemici del popolo latonese. Quasi mai nessun candidato viene eletto per le sue capacità, per la voglia d’impegnarsi, per l’umiltà di mettersi al servizio della collettività e per la sua disponibilità ad ascoltare le difficoltà e con coraggio darsi da fare per risolverle.
Quando poi, per mantenere la poltrona, il politico di turno si piega anche alle richieste interessate dei componenti della maggioranza, mettendo da parte gli interessi della cittadinanza, allora il dramma è completo. Ecco spiegato il motivo per cui quando questi personaggi arrivano al potere dimostrano tutta la loro pochezza ed incapacità ad amministrare e, a quel punto, a tutta la cittadinanza non resta che lamentarsi e sopportarne le conseguenze, sperando che a tutto, non si aggiungano anche gli interessi personali a danno dei cittadini.
Negli ultimi dieci anni, il governo del paese, ha dimenticato la vera natura e funzione del suo ruolo.
Per i nostri amministratori comunali, pensare a progetti da realizzare per il bene di tutti i latonesi, sono parole sconosciute. Non parliamo poi di controllare se quanto programmato ed approvato viene realizzato ed in che modo e misura; compiti che volentieri fanno svolgere ai burocrati comunali, oppure da un Revisore dei conti nominato non per le sue competenze ma perchè fa parte della cerchia dei “compagni di merende”, con i disastrosi risultati che sono sotto gli occhi di tutti.
Per molti conta solo l’ambizione di apparire.
Che tristezza, siete riusciti a mascherarvi così bene anche in occasione di queste ultime Elezioni comunali 2016, facendovi credere dei coraggiosi e competenti amministratori, siete riusciti in pieno a carpire la fiducia degli elettori latonesi celando la vostra vera natura di incapaci ed opportunisti.













Share on Google Plus

Autore: Domenico Iodice

Giornalista

12 commenti:

  1. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  2. Anonimo delle ore 10.21,

    io ho la residenza a Pontelatone come tanti, come quelli che sono all'estero e non hanno mai conosciuto addirittura il nostro paese. Se fossi in lei, mi preoccuperei di questioni di pubblico interesse, sempre se ne ha le capacità. Visto la sua onestà, cosa pensa dell'operato di qualche azienda?
    Chiudetevi la bocca che è meglio, altrimenti fate solo pessime figure. Sono stati commessi tanti abusi a danno del paese e della sua collettività e ci preoccupiamo della mia residenza? Lei fa ridere i polli, come i suoi “compagni di merende”. A parte la sua vigliaccheria poi, perchè non usa la sua identità? Ha forse il timore di essere giudicato dai latonesi per il suo operato? Non so del perchè, ma ho il sentore che, tra me e lei, chi dovrebbe tacere dalla vergogna, non sono certo io.
    Quando vuole, quello che ho scritto, posso anche dirglielo in pubblica piazza, non temo il confronto. Buongiorno.

    RispondiElimina
  3. Votare e un diritto e un dovere, ma questi Signori si vedono solo quel periodo, a volte non ti saltano nemmeno, solite promesse elettorali, ma come si fa, sta gente eattacata altre poltrone e non si muove.
    La verità e che la breve estufa e pultroppo travi non si sono nemmeno avvicinati alle cabine ellettorali.
    Penso che la lista che ha preso pissa dormire sogni tranquilli, ha fatto una beh la campagna elettorale pulita e corretta cosa che non si può dire della vincitrice.
    La vera voce del popolo e tutti a casa.
    Lasciate posto ai giovani che ci tengono al paese,grazie a loro nemmeno i morti stanno in pace, se non fosse per i parenti che vanno a fare visita e puliscono e tolgono le erbacce.
    Dimissioni dimissioni

    RispondiElimina
  4. apparentemente, la maggioranza vuole tenere il più possibile all’oscuro del proprio operato i propri cittadini forse per paura di un confronto pubblico alla presenza dei cittadini? il consiglio comunale è la principale assemblea pubblica rappresentativa di ogni comune e proprio per la loro natura pubblica, è doveroso permettere a tutti i cittadini di potervi partecipare, come uditori, per esercitare il proprio diritto di controllo sull’attività dell’amministrazione e del candidato votato.
    alle 8.30 e alle 12.00 si lavora ancora, pontelatone è un paese a vocazione agricola.
    la trasparenza non è uno slogan.

    RispondiElimina
  5. Esatto, come c.... possono partecipare i cittadini ai consigli con questi orari? ( non perchè dormono ma xke LAVORANO).
    PERCHÈ NON SI FANNO DI SERA?
    DURANTE LA CAMPAGNA ELETTORALE LA LISTA N.1 HA PRESO TANTI IMPEGMI COON GLI ELETTORI, NE CITO SOLO ALCUNI:
    -TRASPARENZA
    -PARTECIPAZIONE
    Spero che i prossimi si faranno ad un orario decente per tutti.
    LA MIA È UNA CRITICA COSTRUTTIVA, IN QUANTO SONO UN CITTADINO DI PONTELATONE, PAGO LE TASSE PER PONTELATONE E HO DIRITTO SI SAPERE QUELLO CHE SI DECIDE A PONTELATONE.
    PRETENDO TROPPO????

    RispondiElimina
    Risposte
    1. da un lato si impedisce ai consiglieri comunali che svolgono lavoro autonomo di poter partecipare ai lavori dell’assemblea privandoli di un loro preciso diritto; dall’altro si conferma che la gestione della cosa pubblica per i nostri beneamati amministratori, è un “affare riservato” solo per una casta di dipendenti pubblici che possono “bigiare” il lavoro dietro la semplice presentazione di un attestato di partecipazione. il tutto senza pensare minimamente ai cittadini del paese ai quali, di fatto, si impedisce ogni possibilità di poter assistere in prima persona allo svolgimento del consiglio stesso.
      una simile gestione delle sedute di consiglio, al di là del richiamato sgarbo istituzionale che viene continuamente reiterato, rappresenta una vera e propria violazione dei principi ispiratori del testo unico degli enti locali.  recita, infatti, a chiare lettere l’articolo 38, comma 7 del testo unico degli enti locali che “LE SEDUTE DEL CONSIGLIO E DELLE COMMISSIONI SONO PUBBLICHE SALVI I CASI PREVISTI DAL REGOLAMENTO E SI TENGONO PREFERIBILMENTE IN UN ARCO TEMPORALE NON COINCIDENTE CON L’ORARIO DI LAVORO DEI PARTECIPANTI”.

      Elimina
  6. Amministratori comunali svegliatevi!!!
    È finita l epoca dei FESSI,la gente paga le tasse anche se nn arriva a fine mese ed è piu che giusto che gli sia data la possibilità di partecipare ai consigli comunali.
    Che dire...staremo a vedere

    RispondiElimina
  7. Ca ce scetamm e 4 da matin pe ghi miez all'ufr..stamm sott o sol tut o iurn..nun o teng o timp de pensa a chi sa scet tard a matin o nun va a fatiga pecche nun so cazz de mie..so cazz de mie che pag tant de sold pa munnez quann i nun a facc manc..ca e figl chiagn pe paga e tass che avit mtut..dtto o scuorno o sai cre??????????

    RispondiElimina
    Risposte
    1. penso che non ti sei capito neanche tu.

      Elimina
  8. Pensano solo a fare la festa del Casavecchia con i nostri soldiiiiiiiii!!!!!!!!!!

    RispondiElimina