Pontelatone, stato di incuria e indecenza al cimitero del paese

di Domenico Iodice

Il piccolo cimitero del paese è in preda all'incuria nell'indifferenza generale degli amministratori comunali


PONTELATONE Una visita ai propri cari defunti tra l'incuria e lo stato di quasi abbandono di alcune aree del camposanto in pieno giorno.
E’ il biglietto da visita che si offre a chi viene da fuori paese al camposanto.
Ecco la dichiarazione di una ragazza di Caserta che ha l’ardire di andare a visitare i familiari defunti al camposanto di Pontelatone:
Vengo qui almeno una volta al mese da quando è morto mio padre – proferisce la casertana – e in tanti anni non ho mai visto un simile degrado. E’ davvero una pena questo stato di abbandono di alcune aree del cimitero.”.
Uno dei luoghi da sempre più cari ai cittadini latonesi è, per ovvi motivi, il piccolo camposanto del paese. È il luogo ultimo in cui riposeranno per l'eternità tutti i famigliari o gli amici che abbiamo in un certo senso perso per strada e di conseguenza è normale che questa struttura stia molto a cuore alla comunità. È ancor più normale il fatto che ognuno di noi voglia garantire ai propri cari defunti il miglior riposo possibile, in un luogo gradevole alla vista e che rispecchi in maniera adeguata il ricordo e la memoria che un cimitero dovrebbe rappresentare.
Sfortunatamente da un po' di tempo a questa parte alcune aree del nostro camposanto si trovano in condizioni davvero vergognose, lasciate nell'incuria totale e in uno stato di abbandono quasi perpetuo.
Il problema estetico, tuttavia, è solo in primo piano, se andiamo a prendere in considerazione alcune insidie a cui viene esposta la stessa incolumità di chi vuole giustamente rendere omaggio ai propri cari con un semplice mazzo di fiori.
La seguente slideshow riesce a far cogliere il totale stato di degrado in cui versa il camposanto del paese più della nostra “penna”.

Infine, cogliamo l'occasione, per rispedire al mittente le accuse a carico di Pontelatone 24h e dei suoi redattori che, secondo qualche opportunista assodato, gettano discredito sul paese.
Noi non facciamo altro che amplificare le legittime lamentele e disagi dei cittadini.
Il discredito lo stanno arrecando altri, gli amministratori comunali, con un modo di fare dilettantistico e da incapaci.













Share on Google Plus

Autore: Domenico Iodice

Giornalista

46 commenti:

  1. Il problema è semplice: esiste una persona preposta alla manutenzione del cimitero? Se no, che venisse incaricato un dipendente per farlo. Se sì, vuol dire che chi è pagato per farlo non sta facendo il suo dovere e sarebbe opportuno licenziarlo per dare l'opportunità a chi ha veramente voglia di lavorare per rendere il cimitero un giardino e restituire ai morti la loro dignità.

    RispondiElimina
  2. Come stiamo cadendo in basso, già la seconda volta che accade una cosa del genere, ma perché non mettete qualcuno oppure fate una risata d'orecchio al responsabile, cmq sono sempre del opinione di licenziate i fannullone.
    Adriana fatti sentire.

    RispondiElimina
  3. Questa app potrebbe permettere ai latonesi di diventare delle sentinelle sul territorio e contribuire al miglioramento del paese

    Il degrado che affligge molte aree del territorio del Comune di Pontelatone è un tema molto caro ai cittadini. Nelle scorse elezioni comunali 2016, uno dei cavalli di battaglia del candidato sindaco Esperti, è stato il decoro urbano. Sono ancora presenti su Facebook fiumi di sillabe sul tema. Da qualche anno, però, mentre si aspetta fiduciosi che il primo cittadino di Pontelatone rispetti le promesse fatte in campagna elettorale, si può scendere in campo in prima persona e segnalare attraverso un app sul cellulare ciò che non va sul nostro territorio. Si tratta dell’applicazione “Decoro Urbano – WE DU!” tramite la quale gli utenti possono inviare a un network condiviso le foto di rifiuti abbandonati, buche sul manto stradale, affissioni abusive, atti di vandalismo, problemi di segnaletica stradale e incuria nelle zone verdi.

    Queste segnalazioni vengono comunicate direttamente all'amministrazione comunale che in questo modo ha a disposizione una precisa mappatura del degrado per poter agire nel minor tempo possibile. Molte città italiane fanno già parte del network “Comuni Attivi” e sfruttano il prezioso lavoro di report svolto dai propri cittadini sul territorio.
    Lo scopo è avere degli occhi vigili sul territorio che possano contribuire ad aiutare l'amministrazione a rendere più bello e pulito il proprio paese.

    Il Gruppo Amici di Beppe Grillo Pontelatone, nell’ambito dello sviluppo di iniziative tese al miglioramento della qualità del decoro urbano, di salvaguardia e controllo del territorio del Comune di Pontelatone, è intenzionato a mettere conoscenza l'amministrazione comunale dell’esistenza del progetto “Decoro Urbano – WE DU!”, chiedendo al sindaco del paese Adriana Esperti e all'intero consiglio comunale di procedere alla sottoscrizione per aderire all’attivazione completamente gratuita al progetto. Un servizio per una cittadinanza attiva, uno strumento gratuito sia per il cittadino che per l'amministrazione comunale.

    Amici di Beppe Grillo Pontelatone

    RispondiElimina
  4. Solo chiacchiere ma i fatti dove stanno?questo paese dovrebbe essere un gingillo se ognuno facesse il proprio dovere.E vogliamo parlare dell'illuminazione pubblica? Meglio tacere E allorai chiedo se non vi sta a cuore il paese perché correre alla poltrona?

    RispondiElimina
  5. Qui a Ponelatone quando le cose non funzionano e' colpa dei dipendenti che non lavorano ma i politici cbe ci stanno a fare?

    RispondiElimina
  6. Pontelatone merita persone che prendono a cuore le problematiche del comune. Purtroppo l'attuale Amministrazione capeggiata dal neo sindaco Esperti non é in grado di fare ciò! Ahimè il Paese versa in un degrado totale.

    RispondiElimina
  7. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non direi conosco il Sindaco una mia Amica, ma purtroppo e accerchiata da persone attacatte alle poltrone, vedasi Carusone, Franco e Gino, dovrebbero vigilare di più e fate una tirata d'orecchi a chi non fa il suo, purtroppo non accade, e abbiamo assesdori presdocche assenteisti soprattutto a vigilare che ogni uno faccia il suo. Il neo sindaco e una ragazza in gamba però deve farsi Valere, FORZA Adriana so che puoi farcela faccio il tifo per te

      Elimina
    2. Posso dirti che le tre persone sopracitate le fanno le tirate di orecchie anzi qualcuno di loro sta quasi sempre sul comune...Poi come hai detto il nuovo sindaco è una ragazza in gamba sicuramente si farà valere

      Elimina
  8. Ma ancora pensate alle fesserie???? Ma la sindaca si è messa i vecchi di primae poi puo mettersi contro il cognato????? Dimmi con chi vai e ti dirò chi sei!!!!

    RispondiElimina
  9. Caro Direttore, viviamo in un paesetto ancora traboccante di arroganza:un’arroganza politica cresciuta in maniera direttamente proporzionale alla non-cultura dei personaggetti che la esprimono, da un capo all’altro di un paese sempre più povero e malato.
    Siamo diventati brutti come i luoghi in cui viviamo, caro Direttore, e non ci scomponiamo più neanche dinanzi all’uso che si fa della cultura e dei suoi luoghi, magari come arnesi di consenso, scambio o ricatto politico. In fondo a noi, come ai personaggetti del paesetto che ci rappresentano, manca una visione di futuro dotata del necessario spessore culturale e utilizziamo, magari, i nostri titoli, la nostra posizione economica e la nostra visibilità sociale come scudo alla nostra saccente superbia che si trasforma in piccato fastidio quando si trova di fronte chiunque non si rassegni ad essere un subalterno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Articolo del 30 Giugno, commento 21.b, leggilo per favore e dimmi se è una giusta via o no. a quanto pare il Direttore non lo era del tutto, io penso sia l'unica via d'uscita al momento.

      Elimina
  10. I politici dovrebbero vigilare ma una cosa è certa: non ho mai visto un dipendente del cimitero fare il peoprio dovere che è semplicemente quello di tenere pulito il cimitero e curare le aiuole. Se non fosse per i parenti dei defunti il cimitero sarebbe veramente invaso dalle sterpaglie.

    RispondiElimina
  11. Che vergogna e poi buttano i nostri soldi per la festa del casavecchia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E comunque che a me risulti questa è forse una delle poche manifestazioni non di interesse politico, la persona che la organizzò anni fa lo fece in modo egregio pur avendo perso le elezioni, prendete esempio

      Elimina
    2. Si puo' sapere chi e' questa persona disinteressata che ha perso le elezioni???

      Elimina
    3. Perche non si puo' sapere il nome che c'e' di male e poi hai detto che non e' politica e non per soldi vero?

      Elimina
    4. Non è corretto fare nomi soprattutto quando siamo noi i primi a nasconderci dietro l'anonimato, comunque io avevo scritto anche un commento precedente che non è stato mai pubblicato, alla faccia della imparzialità di questo giornale, se riuscirai a leggere almeno questo ti dico che spero di incontrarti fuori da questa sede per dialogare e cominciare a creare una nuova rete di persone che hanno voglia di dibattere e non di fare solo sterile opposizione , a presto.

      Elimina
    5. Caro Commentatore,

      non sappiamo a quale commento si riferisce, ma se non è stato pubblicato, qualche precisa motivazione c'e'.
      Riscriva il commento, grazie.

      Elimina
    6. Assolutamente si: questa manifestazione è sicuramente una buona spinta per il rilancio dell'economia locale visto che organizzata in questo modo, come lo fu anni fa e rivolta ad un tipo di potenziali visitatori del nostro territorio un po meglio della calca che attirano le numerose sagrette ed affini che non portano alcun beneficio alla comunità se non solo stress per il paese da tutti i punti di vista.
      Vediamo cosa c'è di tanto osceno in questo commento visto che è più o meno lo stesso dell'altra volta.

      Elimina
    7. Ma non dite stronzate che se sono sempre gli stessi ristoranti e pure di altri paesi? Tra Pontelatone ci sono una ventina di ristoranti e agriturismi perche' non fate cucinare pure a loro visto che organizza il comune???? e io pago diceva toto' e noi latonesi paghiamo per i soliti noti!!!!

      Elimina
    8. Lasciamo perdere, per voi sono di amiche troppo complicate da comprendere, vi lascio beatamente ai vostri battibecchi di parte che dureranno in eterno.
      P.S.:voi latonesi siete un caso incurabile purtroppo.

      Elimina
    9. scusa, mi fai capire?

      Elimina
    10. Scusa l'errore di battitura , volevo scrivere dinamiche, comunque il beneficio non è di quelle due misere sere ma è per tutto l'anno, perché se c'è qualcuno a cui cominciano a piacere i nostri prodotti ed il territorio
      Cominceranno a venire sempre più frequentemente e qualcuno più facoltoso anche ad investire, solo così si può creare occupazione e benessere

      Elimina
    11. Quale soldi ha messo il comune per il casavecchia Wine festival?

      Elimina
  12. Scusate ma il casavecchia festival non è stato organizzato sempre dal comune adesso tutti se ne escono che sono gli organizzatori ma i soldi li caccia il comune cioe' noi cittadini, direttore ci illumini e possiamo vedere i documenti del comune e i conti delle spese?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esimio Commentatore,

      non abbiamo di queste notizie, ci dispiace.
      Forse a fine evento ci faranno notare un documento con le varie uscite ed entrate economiche.
      Ma ci sarà tutta questa correttezza e trasparenza nei riguardi della cittadinanza?
      A nostro avviso, no!

      Elimina
    2. Cmq a me non risulta che il comune abbia cacciato soldi per questa manifestazione,al massimo avrà messo a dispozione Palazzo Galliani ed altri edifici...

      Elimina
  13. Sono sempre gli stessi,basta vedere gli agriturismi.20,agriturismi e uno solo che cucina.diceva Totò "ho detto tutto".

    RispondiElimina
  14. Forse la migliore manifestazione fatta a Pontelatone,politica o no bravi a chi l'ha fatta.

    RispondiElimina
  15. Si sono sempre gli stessi, devono fare sempre i comodi loro; comunque sono rimasto molto ma molto deluso dalla manifestazione ,dopo mesi e mesi di pubblicità e di incontri mi aspettavo qualcosa di unico e raro ma si è rilevata come la solita sagretta...dalle recensioni pare che sia piaciuta solo a quelli che hanno lavorato x la manifestazione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scommetto che tu non c'eri nemmeno,ci metterei mille firme.sappiamo i polletti che commentano qui.

      Elimina
  16. La migliore???? Ma dove vivi?

    RispondiElimina
  17. La promozione del territorio dovrebbe essere uno di quegli argomenti di ineteresse comune, qualora si riuscisse ad avere un determinato tipo di flusso turistico molti cittadini potrebbero avere uno sbocco lavorativo.
    Ma l'argomento trova la sensibilità di pochi,forse perché bisogna lavorare molto e per alcuni oltre a dover lavorare deve anche investire.
    Vedo molta partecipazione per quanto concerne la critica basata sul chiacchiericcio, non altrettanta partecipazione la si vede durante i convegni,dibattiti o in tutte quelle sedi dove si puo' discutere e portare il proprio contributo affinche' questo paese possa crescere.
    Sui vari social scorrono fiumi di parole che mettono in evidenza cio che non va' o su cio' che si potrebbe fare, ma il problema e' proprio questo il "fare".
    Criticare il wine festival va bene ma come mai un evento che ha goduto dell'interesse di testate giornalistiche come Repubblica ed il mattino non trova l'attenzione di chi sostiene di amare questo paese?
    Su Facebook e sui blog è stato totalmente snobbato, come vorreste promuoverlo il paese solo pubblicizzando le negatività? E voi ci andreste mai in un paese dove,secondo i social del luogo, non potreste trovarvi in un posto peggiore?
    E quindi che tipo di ricaduta economica vi aspettate?
    Tante domande alle quali immagino ci saranno poche risposte

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma ti sei accorto all'età che ti ritrovi che il pane dei giornali e di facebook è la notizia negativa e gratuita? fumo negli okki dei compaesani creduloni...

      Elimina
  18. Cosa c'entra il Casavecchia col cimitero? Vi rendete conto che saltate di palo in frasca? Non siete nemmeno capaci di condurre una discussione.

    RispondiElimina
  19. Continuate solo a riversare astio e frustrazioni in commenti offensivi gratuiti, il fatto che forse la vostra carriera o vita non è uno splendore non è colpa certo di questo giornale o dell'amministrazione comunale e nemmeno del wine festival, provinciali che non siete altro.

    RispondiElimina
  20. Caro Anonimo la nostra vita é uno splendore, ma non si tratta di questo, qui ci hanno dato modo di esprimerci per il nostro malumore nel amministrazione.
    Forse non vivi in questo bellissimo (se le cose funzionassero) paesello che vive nel abbandono più totale.
    Spero che Adriana faccia al più presto qualcosa.
    Questa è la voce del vero popolo Dimissioni dimensioni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se non gli diamo tempo Adriana non può fare niente..Non ha la bacchetta magica..se continuiamo ad attaccare l'amministrazione lei non può assolutamente far niente perché questa è una squadra lei è il capitano..diamogli del tempo

      Elimina
  21. Non possiamo che prendere atto del fatto che a mancare sia la volontà, il desiderio di fare rete intorno a una delle poche economie del paese compatibile con la vocazione del territorio. al di là delle persone venute a pontelatone per il cwf grazie alla tanta pubblicità, dei convegni e delle conferenze restano i fatti e quelli, purtroppo, parlano chiaro: il cwf è servito per far guadagnare soldi ai soliti del paese. L’estate pontelatonese, lo sappiamo, è dominata da 3 manifestazioni per tutti i gusti. ma questa è la terra del vino, del grande vino casavecchia che ancora non sappiamo promuovere come dovremmo.

    RispondiElimina
  22. Quindi lo stato di degrado in cui versa il cimitero merita una discussione sul vino Casavecchia e manifestazione annessa. Ho capito. Allora, alla salute!!

    RispondiElimina
  23. Signor iodice ma adesso un'articolo sul fatto che il cimitero è stato pulito e curato non lo fa? Lei mette in risalto solo le cose negative dell'amministrazione...Buon fine di settimana

    RispondiElimina
  24. Mi scusi ma ci dobbiano fare i complimenti??? Questa è ordinaria amministrazione...ahahahah...il cimitero è stato pulito solo dopo le critiche dei cittadini...cos' e pazz!!!

    RispondiElimina
  25. Voi avete un'idea falsata di pulizia. Io per cimitero pulito intendo: le aiuole vanno curate (non devono avere erbacce) e dovrebbero avere fiori. L'angolo in fondo a sinistra del cimitero (direzione bellona) contiene sempre immondizia che è scarto di lavori che vengono fatti al cimitero. Tale angolo andrebbe tenuto pulito! Poi il viale sul lato destro del cimitero (quello che attraversa le cappelle gentilizie) vi sembra normale? Non ha alcuna pavimentazione. Ma almeno lo ricoprissero di ghiaia! Il cimitero deve essere il giardino dei defunti e chi non è in grado di curarlo dovrebbe essere cacciato a pedate. Il sindaco Carusone non ha minimamente l'idea di cosa significhi curare un cimitero, né lui nè i dipendenti (pagati con le nostre tasse).

    RispondiElimina