Pontelatone, gattopardismo: tutto deve cambiare perché tutto resti come prima

di Domenico Iodice

Pontelatone: tutela del proprio orticello sfruttando il ruolo nell'amministrazione comunale


Il cambiamento di rotta che tutti si attendevano per Pontelatone non c’è stato o almeno non è stato come auspicato da una elevata percentuale della comunità che lamenta come le cose nonostante il cambio di insegne, siano rimaste le stesse: ad ormai un un anno e mezzo dall'insediamento della 'nuova' Amministrazione comunale il tanto decantato cambiamento di rotta sbandierato in campagna elettorale dall'attuale Sindaco e dal suo entourage non c'è stato. Una volta che la 'nuova' Giunta si è insediata sugli scranni del potere gran parte delle promesse e delle affermazioni effettuate in campagna elettorale sono finite in un cassetto mentre si è scelto di continuare la politica volta a calare dall'alto soluzioni spesso incomprensibili sulle quali i cittadini sovente non sono stati minimamente interpellati.

La 'nuova' Amministrazione avrebbe preferito la forma alla sostanza scegliendo di beneficiare politicamente della bella vetrina rappresentata da una giovane professionista perbene quale Adriana Esperti di cui gode il paese di Pontelatone per far bella mostra di se stessa a livello locale.

L’elenco delle azioni che non sono state attuate sino ad ora sembrerebbe interminabile e soprattutto sarebbero stati posti in secondo piano progetti considerati in campagna elettorale importantissimi come l'economia, il sociale, l'occupazione. Il nuovo Sindaco del paese ha preferito di gran lunga cercare la collaborazione politica di vecchi amministratori per pervenire, ad esempio, ad una definizione conclusiva dell'assai complesso processo di separazione tra la nuova e vecchia amministrazione. Allo stesso modo collaborazioni tra antichi e nuovi membri di governo di Pontelatone. Il giudizio dei latonesi è quindi profondamente negativo: possiamo concludere che nulla sia realmente cambiato ma che anzi la vecchia e la nuova nomenclatura a certi livelli, laddove i confini tra le fazioni politiche a volte risultano molto sfumati, sia ben integrata, non disdegni di chinare la testa per non urtare la suscettibilità altrui e tutto sommato abbia trovato un punto di congiunzione su tutte le scelte economiche e politiche più importanti compiute a Pontelatone.

Troppe volte nel corso degli anni sono stati prospettati ai cittadini, futuri gloriosi che poi non si sono manifestati, e nulla è mutato nel perenne disinganno per le vane attese e nella connaturata rinunzia all’azione della comunità intera. 














Share on Google Plus

Autore: Domenico Iodice

Giornalista

2 commenti:

  1. Niente cambio ,il sindaco non conta nulla ma comanda sempre il solito( purtroppo ) carusone ed i suo più fidato amico Franco ,aprite gli occhi ,nessu cambio l amministrazione e la stessa.mandiamo a casa Carusone e Franco magari cambia qualcosa,secondo me hanno la faccia tosta da ripresentarsi ,
    dimissioni dimissioni ora subito 🤗

    RispondiElimina
  2. Le famose promesse elementari, che poi puntualmente non vengono fatte, devo dire che la povera Adriana si trova tra Carusone e Franco che non la fanno comandare, ma una donna intelligente non riesce a capire, strano cmq il popolo vuole le dimissioni e soprattutto Carusone e Franco fuori dai giochi, nel senso che non so ripresentano

    RispondiElimina