Situazione critica sulla Provinciale 331 Caiazzo-Alvignano: buche profonde, manto stradale a pezzi, avvallamenti notevoli

di Domenico Iodice
Appello alle istituzioni per risolvere il problema



Abbiamo ricevuto numerosissime segnalazioni oggi, da parte di cittadini ed utenti che regolarmente o per turismo, percorrono la Provinciale 331, relativamente alla pericolosità del manto stradale lungo i chilometri di tracciato Caiazzo-Alvignano, ha numerosissime buche profonde che si rivelano veramente infide. Senza contare poi che in alcuni punti si allaga puntualmente durante le insistenti piogge torrenziali che colpiscono il segmento territoriale in questione.

Oltre alla pericolosità per i tanti abituali frequentatori della Provinciale in questione, occorre segnalare come questa situazione provochi una netta perdita di immagine di tutto un territorio.

Senza voler fare polemiche politiche, gradiremmo sapere dalle Amministrazioni interessate, in primo luogo dalla Provincia di Caserta, quando e come si pensa di risolvere questo problema risistemando il manto, pensando però anche ad evitare un ulteriore intervento a breve. Insomma, un intervento ad hoc.

Ci chiediamo inoltre, anche a nome dei tanti che ci hanno segnalato questo problema, se è ipotizzabile un intervento realmente risolutivo sugli allagamenti che si verificano sporadicamente in alcuni tratti della viabilità e così pericolosi nonché causa di momentanei isolamenti tra Caiazzo-Alvignano.

Sappiamo che in questi mesi si sta affrontando una revisione profonda nell'organizzazione della Pubblica Amministrazione, partendo dalla Provincia di Caserta. Ci auguriamo che queste importanti modifiche possano essere immediatamente messe in campo per affrontare questo ed altri problemi che causano pericoli agli automobilisti, ai mezzi pubblici, ai motociclisti e ai ciclisti, oltre che danni non quantificabili, ma ingenti, sul patrimonio del parco mezzi di proprietà privata, date le sollecitazioni eccessive a cui sono sottoposti meccanica e pneumatici dei mezzi.















Share on Google Plus

Autore: Domenico Iodice

Giornalista

0 commenti:

Posta un commento