Pontelatone, grazie a due cittadini si può di nuovo bere dalla fontana del paese


di Domenico Iodice

La vecchia fontana di Piazza Cutillo, uno dei luoghi più conosciuti dai cittadini di Pontelatone e tanti altri di chissà quali luoghi, è stata sistemata grazie alla mission impossible di Giggino&Ciruzzo


PONTELATONE – Finalmente è possibile dissetarsi dalla storica fontana sita nell'odierna nonché centrale Piazza Cutillo del paese. Da alcune settimane era impossibile aprire il rubinetto e bere dalla fontana che ha appagato la sete di tanti latonesi e turisti da tempo quasi immemore. Era impossibile deglutire uno zampillo di acqua fresca senza incorrere in un bagnarsi gli abiti a causa del violento gettito d'acqua dovuto alla forte pressione.

Il Comune di Pontelatone è sempre in ritardo sulla manutenzione ordinaria, anche di piccoli ma importanti aspetti come una fontana trasmettitori di buona immagine del piccolo paese del casertano. Vi spieghiamo il perchè di questa nostra frettolosa analisi: con determina n. 60 del giorno 31 agosto 2018, pubblicata sull'Albo Pretorio online l'11 settembre 2018, il Comune di Pontelatone si accorge che è impossibile bere dalla fontana in questione e da incarico ad una ditta locale per risolvere il malfunzionamento dovuto alla forte pressione dell'acqua. Fin qui nulla da eccepire, o quasi.

Peccato però che durante il giorno 14, 15 e 16 settembre si è svolta a Pontelatone la 43° Festa dell'uva e del vino Casavecchia. Una kermesse che mette sotto i riflettori le tradizioni vitivinicole ed enogastromiche del territorio, attirando gente da ogni dove in paese. Proprio in questa occasione e maggiormente rispetto alle altre, abbiamo trasmesso a qualche persona non del luogo l'immagine di un paese abbandonato a se stesso. Di questo noi personalmente siamo stati testimoni, eravamo presenti in prima persona sabato 15 settembre, quando qualcuno ha tentato di bere e le contumelie che sono seguite. Ma era proprio una titanica nonché impossibile missione sistemare la fontana in occasione della Festa dell'uva e del vino Casavecchia? A quanto pare no.

Nonostante la determina della Casa comunale del 31 agosto, nonostante che pure gli extraterrestri sapevano della Festa e quindi tante presenze assetate, la vecchia e cara fontana che ha visto tante generazioni del nostro paese crescere, era sin a qualche ora fa impossibilitata a fare bere chiunque si avvicinasse al suo rubinetto. Spesso il senso civico e di appartenenza però fa mobilitare i comuni cittadini, questo è un caso del genere.

Il titolare della saputissima Azienda agricola Marinella, Luigi Scirocco; il titolare della ben fornita ottica di Pontelatone, Ciro Iaculo, hanno cambiato il rubinetto alla fontana da dove finalmente si può bere tranquillamente. Che dire? Missione impossibile compiuta da parte dei nostri super agenti segreti latonesi Giggino&Ciruzzo.

Se la vecchia fontana del paese potesse parlare, dalla saggezza dei suoi anni, nè sentiremmo veramente di cotte e di crude e punterebbe impietosamente il dito verso chi ha ridotto Pontelatone in questo stato pietoso.

















Share on Google Plus

Autore: Domenico Iodice

Giornalista

1 commenti:

  1. Beati voi che rispetto a noi di Teglia siete messi decisamente meglio noi di Teglia (simm scurdat ra giesucrist )ho detto tutto.Ma tra un po si voterà di nuovo (e a doo m'è sanna a pr s ndda? Ti faccij chiu Fuji che corr )

    RispondiElimina