Liberi, all’azienda Sclavia il premio di Gambero Rosso per il rapporto qualità prezzo nella guida “BereBene”

di Domenico Iodice

Liberi, in provincia di Caserta, è il territorio di Sclavia, una cantina che ha puntato tutto sul vitigno autoctono Casavecchia


LIBERI – Il Casavecchia dell’azienda vinicola Sclavia del piccolo Comune casertano di Liberi, è stato premiato da Gambero Rosso per l’ottimo rapporto qualità-prezzo. Il Granito 2015 si aggiudica il premio nell’ambito della ormai celebre “Guida BereBene 2019” che, con ventotto edizioni all’attivo, vuole valorizzare, oltre l’aspetto qualitativo del vino italiano, la relazione con il prezzo della bottiglia sullo scaffale. La pubblicazione, infatti, è rivolta agli eno-appassionati e agli operatori di settore che non vogliono rinunciare ai prodotti migliori senza però spendere una fortuna.

Per l'azienda Sclavia si tratta del terzo premio consecutivo “BereBene” di Gambero Rosso, che conferma e certifica la bontà della strategia aziendale di Lucia Ferrara e Andrea Granito che consente di dare l’opportunità di far apprezzare, a professionisti e appassionati, l’attento lavoro di produzione e promozione delle uve autoctone, mission aziendale sin dalle prime stagioni di attività. Luci puntate, quindi, sulle denominazioni che aiutano a scoprire un’Italia fatta di vitigni unici che meritano di essere scoperti ed amati. La guida “BereBene”, che punta a mettere in evidenza etichette in cui è bilanciato bene il rapporto tra qualità e prezzo, consente di far veicolare con grande visibilità denominazioni che raccontano territori, tradizioni, storie.

La premiazione dell’azienda Sclavia, la presentazione della pubblicazione “BereBene 2019” di Gambero Rosso e la degustazione dei vini premiati si terranno sabato 24 novembre presso lo Sheraton Rome Hotel and Conference Center di Roma.














Share on Google Plus

Autore: Domenico Iodice

Giornalista

0 commenti:

Posta un commento