La fascia tricolore è anche una questione di stile

di Mimmo Iodice

Caro lettore, ti invitiamo a trovare “la nota” che stona


Forse susciteremo un mare di proteste e tanta ironia. Per noi, e tanti altri, è una questione di stile. Si assiste frequentemente alla partecipazione di sindaci a manifestazioni che hanno a che vedere con il ruolo di rappresentante istituzionale e di ufficiale di governo. In queste circostanze, e in Comuni diversi da quello in cui si è stati eletti, il sindaco indossa la fascia tricolore, simbolo legato alla carica che ricopre e che mal si concilia con il suo "uso corretto" e "conveniente".

La fascia tricolore con lo stemma del Comune deve essere indossata "nella consapevolezza della dignità e del decoro della carica". In questi ultimi anni, e sempre più spesso, diversi sindaci indossano la fascia su un abbigliamento poco consono alla carica che ricoprono. Jeans, scarpe da ginnastica, quasi si andasse ad una passeggiata campestre.

È vero che "l'abito non fa il monaco", ma lo distingue.

E dunque proprio stile e dignità di ruolo dovrebbero richiamare il sindaco all'uso di abiti appropriati e all'osservanza di comportamenti, nel rispetto di leggi e circolari non scritte, ispirati a un costume di dignità di ruolo che esprima al massimo grado il decoro della carica e dell'istituzione. Chi rappresenta le istituzioni non può addurre pretesti, appellandosi ad uno stile personale del vestiario per attenuare un atteggiamento in cui si ravvisa, se non pubblica figuraccia, certamente tanta leggerezza.

Se non si è in grado di sopportare giacca e cravatta, la fascia tricolore è bene lasciarla in un cassetto del Palazzo comunale e aspettare giorni meno istituzionali e per niente simboli di rappresentanza di un intero paese.












Share on Google Plus

Autore: Domenico Iodice

Giornalista

9 commenti:

  1. Ha perfettamente ragione direttore. Un sindaco nelle occasioni ufficiali veste giacca e cravatta. Per il rispetto delle Istituzioni che si è chiamati a rappresentare. A meno che Amedeo crede di essere Marchionne. Allora gli perdoniamo anche questo: se riesce a sollevare il destino del nostro comune come ha fatto Marchionne con la Fiat, va bene anche il jeans e le scarpette.

    RispondiElimina
  2. Caro sciocco ti aggrappi a delle cose così stupide. Sei solo in grado di gettare fango.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. HO CAPITO CON CARUSONE ERA DIRITTO DI CRITICA E DI OPINIONE ORA CON IZZO È FANGO.MI SA CHE TU NON STAI TANTO BENE.IODICE HA DETTO LA VERITÀ

      Elimina
  3. Mimmo sono d'accordo con te, la forma, contribuisce in maniera determinante alla sostanza, presentarsi in jeans e scarpette alla cerimonia del 2 giugno, Non ci sono parole

    RispondiElimina
  4. Io ho votato Amedeo perché non c’era altro, però guardando questa foto mi sa tanto di dire “trova l’intruso”

    RispondiElimina
  5. Giornalismo alla Barbara D'Urso

    RispondiElimina
  6. Sig. IODICE facciamo meno polemiche e più collaborazione, l abito non fa il monaco, le voglio ricordare che il voto e un dovere ed un diritto e lei durante le votazioni ha fatto politica per il non voto

    RispondiElimina
  7. Ma quest’anno i dipendenti della comunità montana non stanno lavorando ?non si vedono proprio in giro o passano le giornate a prendere il fresco sotto alle quercie e a fare i pic nic?

    RispondiElimina